Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Omogenitorialità: un contributo di ricerca

Le famiglie composte da persone dello stesso sesso, in Italia, sono una realtà sempre più emergente e sempre più bisognosa di attenzioni e studi. Dopo aver analizzato la letteratura internazionale e nazionale riguardante le famiglie omosessuali, lo scopo della ricerca è stato quello di comprendere quali sono le opinioni della popolazione italiana verso questo tema così delicato e attuale e quali possono essere le variabili maggiormente implicate negli atteggiamenti negativi nei confronti dell'omogenitorialità. Specificatamente, il lavoro è stato quello di comprendere meglio il legame tra aspetti inerenti la spiritualità/religiosità, atteggiamenti verso l'omosessualità, genere, orientamento politico, età e atteggiamenti verso l'omogenitorialità.
A 1705 soggetti di età compresa tra i 18 e 85 anni è stato chiesto di compilare un questionario anonimo online o in versione cartacea. I risultati ottenuti mostrano un livello generale di favorevolezza verso le famiglie omogenitoriali ma, come ci si aspettava, una correlazione tra: atteggiamenti negativi verso l'omosessualità e atteggiamenti negativi verso l'omogenitorialità; spiritualità/religiosità e atteggiamenti negativi nei confronti dell'omogenitorialità; età, genere maschile, orientamento politico di destra e atteggiamenti negativi nei confronti dell'omogenitorialità. Quello che è emerso dai risultati deve essere approfondito ulteriormente in modo da sensibilizzare l'opinione pubblica e diminuire la negatività e la discriminazione nei confronti di queste famiglie.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Intr oduz ione Ge nitore e omose ssua le sono due te rmini c he , sopra ttutto ne l c onte sto ita lia no, fa nno a nc ora fa tic a a d e sse re c olle ga ti. Spe sso, le pe rsone c omuni ma a nc he le ste sse istituz ioni soc ia li non si pongono ne a nc he il proble ma e non ric onosc ono ta le re a ltà . E ppure l'omoge nitoria lità e siste e d è una dime nsione c he sta c re sc e ndo se mpre di più. Infa tti, In Ita lia le fa miglie omoge nitoria li sono c irc a 100 mila (la ma ggiorpa rte c on figli na ti a ll'inte rno di re la z ioni e te rose ssua li pre c e de nti), il 18% de lla popola z ione omose ssua le . Ne l 2005, su c irc a 7000 omose ssua li, il 18% de i ga y e il 21% de lle le sbic he supe ra ti i 40 a nni a ffe rma di a ve re un figlio (L e lle ri, Pie tra ntoni, Gra gli, Pa le strini, C hia ri, 2005). Se c ondo i da ti diffusi da ll'IST AT (http://da ti-c e nsime ntopopola z ione .ista t.it/), ric a va ti da l 15° C e nsime nto ge ne ra le de lla popola z ione 2011, sta nno se nsibilme nte a ume nta ndo le fa miglie unipe rsona li, monoge nitoria li, le c oppie se nz a figli e que lle c onvive nti ma non sposa te , me ntre si è a bba ssa to il nume ro de lle fa miglie nuc le a ri tra diz iona li. L e c oppie omose ssua li unite da un le ga me a ffe ttivo, c onvive nti, sono 7513, di c ui 529 c on figli. A que sto nume ro a ndra nno sic ura me nte a ggiunte a ltre fa miglie c he non ha nno a nc ora sve la to la propria situa z ione o pe rc hé a nc ora in situa z ioni inc e rte (a d e s c oppie c he non vivono insie me ). Sono se mpre di più le pe rsone omose ssua li c he de side ra no a ve re un figlio e c he rie sc ono a re a liz z a re que sto de side rio: o a ttra ve rso l'uso de lle te c nic he di proc re a z ione me dic a lme nte a ssistita o pre nde ndosi la re sponsa bilità de i figli a vuti in pre c e de nti unioni e te rose ssua li. Si tra tta quindi di una re a ltà se mpre più pre se nte e c he ne c e ssita a iuto e supporto. A que ste fa miglie ma nc a non solo una visibilità soc ia le , ma a nc he una visibilità istituz iona le c he pe rme tta diritti, tute la e dignità . Il c onte sto omoge nitoria le si inse risc e in uno sc e na rio più a mpio, c he è que llo de lle "nuove fa miglie ", c he sfida no il mode llo tra diz iona le di fa miglia e i luoghi c omuni su c ome si de ve fa re fa miglia . L a c ultura e i modi di fa re fa miglia sta nno c a mbia ndo e dive nta no molte plic i e diffe re nti c osì c ome i princ ipi su c ui si ba sa la fa miglia non possono più e sse re c onside ra ti gli ste ssi de l pa ssa to (ma trimonio, e te rose ssua lità , proc re a z ione ) ma de vono e sse re fle ssibili e a da tta rsi a situa z ioni e a c onte sti diffe re nti. L a sfida princ ipa le di que ste fa miglie , tra c ui le fa miglie omose ssua li, sta ne ll'e sse re a c c e tta te e c a pite e quindi non disc rimina te o stigma tiz z a te . L e fa miglie omoge nitoria li sfida no i mode lli tra diz iona li e a lla rga no il c onc e tto di fa miglia e ntro c onfini a nc ora ine splora ti e misc onosc iuti. Pe r que sto, a l te rmine

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Beatrice Germinale Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 260 click dal 04/12/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.