Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagine sulle mancate conoscenze e comportamenti relativi alla salute nel self-management della terapia antidiabetica

Background: La scarsa adesione al regime terapeutico prescritto rappresenta un’emergenza a livello mondiale (dall’OMS e AIFA 2015) con un tasso di inosservanza delle prescrizionei del 50%. Il non corretto Self-Management della terapia restituisce esiti negativi in termidi di qualità della vita, sicurezza e costi sanitari; i fattori influenti in tal senso sono diversi e includono componenti sociali, economici, legate al tipo di faraco e alle caratteristiche della patologia. Un intervento multidisciplinare, nel quale, l’infermiere ha la capacità di intervenire in autonomia e come parte attiva può variare notevolmente gli outcomes del paziente; una precoce individuazione del rischio di non adesione, permette di proporre interventi finalizzati ad ottimizzare l’aderenza.

Obiettivo: Ricercare l’esistenza di una correlazione tra l’aderenza e le conoscenze/comportamenti nel self-management dei pazienti in terapia con farmaci antidiabetici.
Ricercare se l’infermiere svolge un ruolo attivo nei processi che portano al Self.Managemente della terapia antidiabetica.

Materiali e Metodi: Somministrazione di un questionario composto da tre sezioni:
Sezione I: “Anagrafica e informazioni relative alla terapia”, raccoglie dati anagrafici e informazioni riguardanti la terapia, e che la letteratura, individua come influenti in termini di aderenza.
Sezione II: “Scala di Morisky”, strumento validato per la misurazione del livello di aderenza.
Sezione III: “Conoscenze e comportamenti relativi alla salute”, raccolta di dati influenti in termini di aderenza, tramite la somministrazione di quesiti ottenuti facendo riferimento alla tassonomia NOC.

Risultati: Sezione I: il campione è composto per il 70% da uomini e con un’età media di 70 anni; gli intervistati assumono prevalentemente tra 5 e 10 farmaci (45%) e seguono la terapia antidiabetica da più di 12 mesi (84%). Quasi la totalità del campione ha ricevuto la prescrizione dal medico specialista, che ha fornito informazioni sulla stessa nell’84% dei casi; la principale fonte di trasmissione (63%) è stata quella orale.
Sezione II: Nel campione la quota di utenti “non aderenti” è di circa il 47,4%; i principali fattori che hanno condotto al risultato (secondo i criteri della Scala di Morisky), sono legati alla dimenticanza dell’assunzione dei farmaci (89%) o alla poca attenzione nella gestione della terapia (89%). In misura minore ha contribuito l’interruzione spontanea in seguito ad un percepito miglioramento (39%) o peggioramento (33%) dello stato di salute. Nella categoria di utenti “aderenti”, solo il 10% ha dichiarato di avere dimenticato di assumere la terapia.
Sezione III: La maggior parte degli intervistati assume esclusivamente terapia orale (50%); a seguire parenterale (26,3%) ed entrambe le forme nel 23.7% dei casi. All’interno della categoria degli assumenti terapia per os, la percentuale di non aderenti (58%) è maggiore rispetto a quella degli aderenti (42%), mentre nelle altre categorie il rapporto si inverte, e prevale il numero di aderenti.
Il 55,5 % dei soggetti aderenti dichiara di conoscere il nome esatto del farmaco, ma di questi, nonostante quanto affermato, il 27% non è ingrado di indicarlo. L’80% degli intervistati aderenti dichiara di conoscere il dosaggio del farmaco assunto, ma, di questi, il 25% non è in grado di indicarlo senza leggere dalla confezione, o, lo indica in maniera errata; il restante 45,5% dichiara di non conoscere il dosaggio del farmaco. Sia tra gli utenti non aderenti che quelli aderenti ad eseguire un controllo della glicemia capillare sono il 100%.
Tra gli intervistati aderenti l’80% mantiene un elenco di tutti i farmaci con dose e frequenza di somministrazione contro il 33% degli utenti “non aderenti”. Negli utenti aderenti il 65% utilizza sistemi di promemoria, mentre, nei non aderenti è solo il 28%.
Nell’intero campione è stata individuata la completa assenza della figura infermieristica durante il processo di trasmissione delle informazioni.

Conclusioni: I dati rilevati dalla ricerca sono in linea con quelle riportati dalla letteratura internazionale con valori percentuali che si avvicinano a quelli ottenuti dall’analisi statistica dei dati raccolti. I quesiti proposti hanno permesso di confermare i fattori di rischio che le evidenze dichiarano come contribuenti alla non adesione (politerapia, conosceze sub-ottimali, uso di sistemi organizzativi e di promemoria). È stata inoltre riferita la completa assenza nel processo educativo-assistenziale dei pazienti diabetici della figura infermieristica, che, secondo le evidenze potrebbe somministrare interventi specifici.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La scarsa adesione al regime terapeutico prescritto rappresenta un’emergenza a livello mondiale con un tasso di aderenza media (per patologie croniche) del 50% (WHO 2003) che, nel corso di oltre un decennio, nonostante gli interventi messi in atto per arginare il problema, è rimasto pressoche identico 1 . Questo dato rappresenta un campanello di allarme; infatti la scarsa adesione alle terapie a lungo termine, genera outcomes scarsi o addirittura avversi, compromettendo l’efficacia del trattamento con conseguenze negative sia in termini di qualità della vita che costi sanitari aumentati. Lo scopo è di questo studio è indagare l’aderenza, le conoscenze e i comportamenti relativi alla salute (in particolare al comportamento di adesione), in un campione di pazienti diabetici. Per farlo si è fatto riferimento ai fattori influenti, in termidi di aderenza, rinvenuti in letteratura come: politerapia 2 , mancate conoscenze inerenti al farmaco 3 , problemi di memoria o interruzioni volontarie di terapia 4 . Tutte queste determinanti sono state mappate tramite la somministrazione ai partecipanti di questionari (realizzati facendo uso della “Scala di Morisky” e della “Tassonomia NOC”). Questa ricerca mira, tramite la categorizzazione degli intervistati mediante uno strumento validato (Scala di Morisky), e, studiando i fattori incidenti in termini di adesione già noti il letteratura, se esiste una correlazione tra aderenza e conoscenze/comportamenti propri dei pazienti diabetici. Si è inoltre ricercato, se, nel processo assistenziale, la figura infermieristica abbia avuto un ruolo attivo e, sfruttando come metodo di studio uno strumento prettamente infermieristico (NOC), se, i comportamenti/conoscenze degli intervistati fossero in linea con gli esiti che 1 http://www.aifa.gov.it/sites/default/files/Rapporto_OsMed_2015__AIFA.pdf 2 Ulfvarson J 1 , Bardage C, Wredling RA, von Bahr C, Adami J “Adherence to drug treatment in association with how the patient perceives care and information on drugs” J Clin Nurs. 2007 Jan;16;141-8. 3 Hana Kerzman,Orna Baron-Epel,Orly Toren” What do discharged patients know about their medication?” PEC: patient education and counseling Volume 56 4 Adults Mohsen Bazargan, James Smith, Hamed Yazdanshenas,Masoud Movassaghi, David Martins, and Gail Orum “Non-adherence to medication regimens among older African-American adults” BMC Geriatr. 2017 Jul 25;17

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Infermieristiche

Autore: Andrea Sani Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 262 click dal 22/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.