Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La legislazione americana in tema di diritto dell'immigrazione: Il caso del Travel Ban

Indagine sulla legislazione americana in tema di diritto dell'immigrazione, attraverso la giurisprudenza maggioritaria e le principali tesi dottrinali utilizzate nella risoluzione delle controversie in materia di diritto dell'immigrazione statunitense.
Punto chiave dell'elaborato sarà quello di valutare l'eventuale sussistenza dei diritti fondamentali del Bill of Rights in capo agli immigrati. Nello specifico, si analizzeranno i casi del cd. Travel Ban del Presidente Trump e la possibile violazione dei diritti del Bill of Rights - in particolare del Primo e del Quinto Emendamento costituzionale - che proteggono la posizione degli immigrati presenti nel territorio statunitense, proprio da parte degli atti emanati dal governo Trump.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel corso del 2017 gli Stati Uniti d'America si sono trovati a confrontarsi sui temi molto importanti del diritto d'immigrazione, in conseguenza di alcuni atti del neopresidente Donald Trump che impedivano ai non cittadini, provenienti da determinati Paesi stranieri, di entrare nel territorio americano allo scopo di proteggere la sicurezza nazionale. Questi atti presidenziali, infatti, limitavano ai cittadini provenienti da Paesi a maggioranza musulmana di entrare nel territorio statunitense, in quanto si temeva che questi individui potessero avere dei legami con le organizzazioni terroristiche presenti in queste Nazioni. In particolare, i tre atti presidenziali, che vengono chiamati Muslim Ban o più neutralmente Travel Ban, hanno avuto forti conseguenze sulla situazione dei non cittadini che da tempo vivono stabilmente ed in modo permanente nel territorio statunitense. Il presente elaborato cercherà, dunque, di offrire le nozioni generali in tema di diritto dell'immigrazione statunitense in modo da comprendere meglio le questioni che sono state sollevate con riguardo al Travel Ban del Governo Trump. Gli atti del Presidente hanno, infatti, costretto dottrina e giurisprudenza al confronto sul tema del diritto di immigrazione, e sulla difficile conciliazione della piena sovranità della Federazione statunitense con la protezione dei diritti costituzionali fondamentali riconosciuti anche ai non cittadini. Poiché le vicende del Travel Ban si sono susseguite in un arco temporale piuttosto ristretto ed i casi discussi dalle corti sono stati molti, sarà utile offrire a questo punto una rapida linea temporale delle maggiori vicende che quest'anno sono accadute all'interno del territorio statunitense. Il primo atto del neo Presidente Donald Trump a prendere il nome di Travel Ban é stato l'executive order 13769 del 27 gennaio 2017 (anche noto come EO-1 o first Travel Ban). Immediatamente dopo la sua emanazione iniziarono le prime proteste e i primi scontri soprattutto nei principali aeroporti del Paese, tanto che già qualche giorno dopo i primi giudici federali accolsero le richieste per bloccarne, almeno temporaneamente, l'esecuzione in tutto il territorio federale. Una delle vicende giudiziarie più importanti é stato il caso State of Washington v. Trump, che é anche diventato precedente sul tema, citato anche dai successivi casi riguardanti il Travel Ban. Questo caso é stato deciso il 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Eleonora Stringhetta Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 110 click dal 26/01/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.