Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Biblioteche carcerarie tra cultura e reinserimento: la biblioteca della casa circondariale di Lecco

L’obiettivo che si propone il presente lavoro è di analizzare e approfondire le condizioni in cui vertono attualmente le biblioteche carcerarie, dandone una prospettiva a livello mondiale e nazionale, spiegandone la nascita e l’evoluzione.
Il carcere, inteso come luogo di marginalità e di privazione della libertà, è una realtà che mi ha sempre coinvolto emotivamente, per questo motivo ho scelto di approfondire questa tematica.
Mi è stata data la possibilità di apprendere e capire la situazione corrente della Casa Circondariale di Lecco, entrare nel luogo fisico del carcere e avere un contatto diretto con i detenuti, mi ha consentito di toccare con mano i disagi vissuti all’interno dell’ambiente carcerario.
Scopo di questo lavoro è quello dimostrare punti forti e deboli d’istituzioni come quelli delle piccole Case Circondariali, dove è difficile introdurre progetti a lungo termine a causa dell’elevato turnover della popolazione detenuta. Dalla mia esperienza e grazie ai dati che mi hanno fornito, ho cercato di dare una prospettiva globale della situazione che attualmente è in corso in questo carcere.
Anche in ambienti di piccole dimensioni, come quello da me esaminato, la presenza di una biblioteca carceraria funzionale ed efficiente è un fattore determinante e si sta cercando piano piano di portare dei miglioramenti sempre più concreti sotto questo punto di vista.
La biblioteca in carcere è, a mio parere, il primo passo, un passo basilare da compiere per una rieducazione concreta dei detenuti: credo che i libri, la cultura, l’istruzione possano davvero aiutare a migliorare la propria condizione di vita. Una persona istruita è in grado di capire le situazioni che vive e riesce a prendere decisioni responsabili nei confronti della comunità che la circonda. Ogni uomo aspira a una vita giusta, equa e attraverso la rieducazione e il reinserimento, le carceri possono molto in questa direzione: possono gettare le basi per la ricostruzione di una vita che se lasciata a se stessa ha poche possibilità di rinascere.
I progetti di rieducazione in carcere, oltre che dagli innumerevoli problemi strutturali e contingenti al sistema penitenziario, sono resi ulteriormente critici dalla situazione organizzativa, tecnica e professionale delle aree educative.
La biblioteca del carcere di Lecco è inadeguata, sia per struttura sia come centro rieducativo, dove le svariate attività culturali in programma sono spesso slegate tra loro e non inserite all’interno di un progetto organico che punti al raggiungimento del comune fine istituzionale della rieducazione. Voglio comunque dare risalto a chi lavora a questi progetti, in particolare l’assistente sociale e la volontaria che si occupa della biblioteca, perché attraverso la buona volontà e l’impegno continuo concorrono in modo attivo a sostenere progetti di rieducazione che però, comunque,si trovano sempre a fare i conti con la realtà istituzionale e strutturale del carcere.
Tali personali considerazioni mi hanno portato a pormi delle domande alle quali ho cercato di dare risposta nella mia indagine. La rieducazione è possibile in carcere? Che compiti deve assumere la biblioteca in tal senso? Il bibliotecario che lavora in carcere che caratteristiche deve avere? È possibile, attraverso la lettura, arrivare a una rieducazione e a un reinserimento del reo?

Mostra/Nascondi contenuto.
1 “La speranza è l’aria fresca che ti ricarica i polmoni. Basta che la respiri.” (Don Tonino Lasconi) INTRODUZIONE L’obiettivo che si propone il presente lavoro è di analizzare e approfondire le condizioni in cui vertono attualmente le biblioteche carcerarie, dandone una prospettiva a livello mondiale e nazionale, spiegandone la nascita e l’evoluzione. Il carcere, inteso come luogo di marginalità e di privazione della libertà, è una realtà che mi ha sempre coinvolto emotivamente, per questo motivo ho scelto di approfondire questa tematica. Mi è stata data la possibilità di apprendere e capire la situazione corrente della Casa Circondariale di Lecco, entrare nel luogo fisico del carcere e avere un contatto diretto con i detenuti, mi ha consentito di toccare con mano i disagi vissuti all’interno dell’ambiente carcerario. Scopo di questo lavoro è quello dimostrare punti forti e deboli d’istituzioni minori come quelli delle Case Circondariali, dove è difficile introdurre progetti a lungo termine a causa dell’elevato turnover della popolazione detenuta. Dalla mia esperienza e grazie ai dati che mi hanno fornito, ho cercato di dare una prospettiva globale della situazione che attualmente è in corso in questo carcere. Anche in ambienti che si potrebbero definire “piccoli”, come quello da me esaminato, la presenza di una biblioteca carceraria funzionale ed efficiente è un fattore determinante e si sta cercando piano piano di portare dei miglioramenti sempre più concreti sotto questo punto di vista. La biblioteca in carcere è, a mio parere, il primo passo, un passo basilare da compiere per una rieducazione concreta dei detenuti: credo che i libri, la cultura, l’istruzione possano davvero aiutare a migliorare la propria condizione di vita, una persona istruita è in grado di capire le situazioni che vive e riesce a prendere decisioni responsabili nei confronti della comunità che la circonda. Ogni uomo aspira a una vita giusta, equa e attraverso la rieducazione e il reinserimento, le carceri possono molto in questa direzione: possono gettare le basi per la ricostruzione di una vita che se lasciata a se stessa ha poche possibilità di rinascere.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carlotta Sandionigi Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 86 click dal 26/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.