Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova governance digitale. Come cambiano le politiche territoriali nell'era del web 2.0.

La presente tesi sperimentale è stata elaborata con l'obiettivo di definire le buone pratiche di azione che dovrebbero essere considerate nel miglioramento della governance a livello locale. A tal fine all'interno di questo elaborato vengono analizzati il contesto situazionale, sotto una prospettiva sociologica e normativa, oltre che l'insieme di strumenti digitali di più recente elaborazione attualmente impiegati dagli attori sociali coinvolti nel processo. Il percorso di ricerca seguito consente dunque di giungere a una conoscenza più approfondita delle dinamiche di azione e relazione che si sviluppano attraverso l'interazione continua tra mondo virtuale e mondo reale nella gestione delle realtà locali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il termine governance, nato nel mondo anglosassone per indicare le attività di governo, si è recentemente arricchito di significati più ampi e pervasivi rispetto a quello originale, a seguito delle profonde trasformazioni che hanno interessato la nostra società a cominciare dagli ultimi decenni del Novecento. Infatti, la rimessa in discussione del ruolo di centralità dello Stato nelle pratiche di governo del territorio, a seguito anche della crisi del sistema politico della rappresentanza, ci consente oggi di poter separare nell’analisi il concetto di government, da intendersi come l’insieme delle politiche, dei progetti e delle infrastrutture operanti in modo gerarchico sul territorio, dal concetto di governance, da intendersi come l’insieme di pratiche di partecipazione non gerarchica alla gestione della cosa pubblica. Le pratiche di governo di un territorio, per raggiungere obiettivi di efficacia ed efficienza, devono necessariamente includere valutazioni inerenti le risorse che lo abitano. Tali risorse non vanno intese come limitate a quelle componenti che garantiscono il funzionamento del territorio, ovvero le politiche e gli organi istituzionali presenti, ma anche e soprattutto inclusive degli individui che ne fanno parte. Diviene quindi utile introdurre il concetto di “abitare”, con lo scopo di avvalorare una componente essenziale, sebbene spesso sia trattata come marginale, dell’intero processo di governo del territorio: il cittadino.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Francesca Lovato Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 169 click dal 09/02/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.