Skip to content

Una nuova dimensione dello scambio economico: la banca del tempo

Informazioni tesi

  Autore: Christian Franceschi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Maria Grazia Totola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

La banca del tempo si dimostra un valido mezzo per un nuovo modo si scambiare per recuperare tempo libero, reti sociali dimenticate e sviluppare l'autoaiuto. Uno scambio più equo e solidale al servizio dei cittadini e degli enti locali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE Una delle caratteristiche comuni delle società postindustriali è la sensazione, forte e diffusa, della carenza di tempo. Ogni società si è sempre differenziata per il proprio modo di vivere il tempo; la temporalità è riassunta nel calendario costituito da date importanti per motivi religiosi, economici e sociali come l’inizio delle stagioni e date storiche. Con il calendario, fin dall’antichità, si è sempre avuta una concezione ciclica del tempo: tutto si ripete di anno in anno. Questa situazione si è mantenuta tale sino all’evento della Regola benedettina che ha portato ad una concezione di tipo lineare con l’introduzione dell’orario da rispettare con la campana. Queste sono state le prime “rivoluzioni temporali” che hanno formato la base del moderno concetto di tempo, ma l’evento che più di tutti ha condizionato l’attuale modo di concepire e vivere il tempo è rappresentato dalle rivoluzioni industriali. Nella seconda metà dell’800 si diffonde e si afferma il sistema fabbrica e il modello economico industriale che introducono nuovi termini e nuove abitudini come puntualità, efficienza e sincronizzazione dei movimenti di ciascuna vita con quelle degli altri. Questi nuovi termini sono frutto dell’avvento del fordismo e del taylorismo all’interno del sistema produttivo; il lavoro diviene sequenziale, meccanico, ripetitivo e opprimente. Lentamente, ma inesorabilemente, il tempo di lavoro diventa il tempo sociale centrale, il perno attorno al quale si strutturano tutti gli altri movimenti sociali. Lo schema generale è ben delineato: lavoro diurno e riposo notturno, almeno otto ore al giorno, dal lunedì al venerdì, da gennaio a dicembre. Il resto, che è ben poco, è lasciato alle cure personali e al tempo libero. Ben presto è divenuta comune la sensazione di oppressione dal tempo di lavoro, l’uomo malato di tempo vorrebbe avere più tempo per sé e per i propri interessi. E proprio perché si deve parlare di tempo liberato e non di tempo libero che si è sentita la necessità di attuare delle politiche del tempo. I due soggetti – attori sono le città e lo Stato che hanno iniziato con la legge 142/90 che conferisce al Sindaco il nuovo potere di coordinare gli orari dei servizi pubblici, delle amministrazioni pubbliche locali e degli esercizi commerciali per una miglior gestione dei tempi individuali / sociali con una maggior elasticità. Lo strumento è il Piano Regolatore degli Orari che si aggiunge agli altri piani (regolatore generale e della mobilità); il PRO è stato istituito con la legge 53/00 che all’articolo 27 prevede un’ulteriore possibilità per una miglior gestione dei tempi cittadini, ossia di promuovere e sostenere la nascita delle cosiddette banche del tempo. Queste associazioni sono nate ufficialmente sei anni fa a Sant’Arcangelo di Romagna e sono strutturate sul modello degli enti creditizi; in esse gli scambi tra soci non si possono regolare con il denaro, ma bensì con il tempo, in ore e mezze ore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca del tempo
legge n. 53-2000
legge n. 142-1990
piano regolatore degli orari
tempomat
sistemi di scambio non monetari
economia politica
sistemi non monetari
auto-aiuto
tempo
solidarietà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi