Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mar Mediterraneo e le zone di pesca: la questione tra Italia e Tunisia

Il problema delle zone di pesca e della loro delimitazione è avvertito in maniera speciale nel Canale di Sicilia, una zona di mare particolarmente ricca di risorse alieutiche e da sempre frequentata da pescatori italiani e tunisini.
Oltre ai più generali motivi connessi alla ripartizione delle possibilità di sfruttamento delle risorse biologiche, le difficoltà che sorgono nella disciplina di questa specifica fascia di mare derivano anche dal fatto che nel tempo tale zona di mare è stata qualificata giuridicamente in modo diverso dai due Paesi frontisti interessati.
La zona di pesca esclusiva tunisina, situata nelle acque comprese tra la costa orientale tunisina e le Isole Pelagie, è delimitata da “una linea che, partendo dal punto di arrivo della linea delle 12 mg delle acque territoriali tunisine, si ricollega sul parallelo di Ras Kapoudia con l’isobata dei 50 metri e segue tale isobata fino al punto d’incontro con la linea che parte da Ras Agadir in direzione Nord-Est ZV=45”.
Tale zona è stata qualificata come zona riservata di pesca per i soli battelli nazionali tunisini dal Bay di Tunisi, con un Decreto del 26 luglio 1951, e tale scelta è stata poi confermata in altri provvedimenti successivi.
Le autorità governative italiane, alla fine degli anni settanta, dopo il mancato rinnovo del preesistente accordo di pesca con il governo tunisino per tale area, hanno invece istituito nell’identica fascia di mare una riserva di ripopolamento ittico con i Decreti Ministeriali del 25 settembre 1979 (Decreti Evangelisti), considerando l’area come zona di mare libero in cui è fatto divieto ai cittadini italiani e alle navi battenti bandiera italiana di svolgere attività di pesca al fine di assicurare la tutela delle risorse biologiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I Le zone di pesca nel diritto internazionale Premessa Fin dal XVIII secolo, nel diritto internazionale classico, il regime giuridico della pesca si è tradizionalmente basato sulla bipartizione generalmente accolta fra mare territoriale e alto mare. 1 Lo Stato costiero esercita la sua sovranità sul mare territoriale nella pienezza e nella esclusività delle sue prerogative, mentre nell’alto mare tutti gli Stati hanno uguale diritto di trarre dalle acque le risorse che queste possono offrire, con l’unico limite del rispetto della pari libertà altrui. Il momento del pieno accoglimento, sul piano giuridico- operativo, del principio della libertà dell’alto mare di derivazione groziana 2 viene in genere fatto coincidere con la disciplina della 1 OUDENDIJK, Status and Extent of Adjacent Waters: an Historical Orientation, Leiden, 1970. 2 E’ noto come il problema dello sfruttamento delle risorse biologiche marine non sia un argomento nuovo per gli studiosi del diritto internazionale: basti ricordare che già ai tempi di Ugo Grozio alcune celebri controversie fra potenze marittime in tema di pesca si sono rivelate un importante contributo per la formazione di principi e norme alla base del sistema di diritto del mare tuttora vigente.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gabriella Gemignani Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4392 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.