Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realizzazione e caratterizzazione di ottiche a multistrato per la radiazione nell'estremo ultravioletto e raggi X soffici

In questo lavoro di tesi è stata messa a punto una tecnica di deposizione basata sul magnetron sputtering, che consente la realizzazione di specchi piani a multistrato del sistema Si/Mo ottimizzati per il funzionamento con radiazione di lunghezza d’onda tra 12 e 19 nm ad incidenza normale.
La tesi è così strutturata: nel capitolo 1 vengono descritti brevemente i principi di funzionamento degli specchi a multistrato per radiazione nella regione dell’estremo ultravioletto; nel capitolo 2 viene presentato lo stato dell’arte della produzione e delle proprietà di specchi nell’intervallo di lunghezze d’onda tra 2.3 nm e 30 nm. Sono passate in rassegna alcune tipologie di specchi tra i più utilizzati.Nel capitolo 3 viene descritta la parte sperimentale di deposizione per magnetron sputtering, le configurazioni utilizzate, i parametri di processo. Sono inoltre riportati i profili di deposizione ottenuti dell’apparato utilizzato.
Il capitolo 4 è dedicato alla caratterizzazione delle ottiche prodotte. Vengono presentati i risultati della caratterizzazione ottenuta con le tecniche TEM, XRR, XRD, AFM, e riflettività ad incidenza normale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. I Introduzione In questo lavoro di tesi Ł stata messa a punto una tecnica di deposizione basata sul magnetron sputtering, che consente la realizzazione di specchi piani a multistrato del sistema Si/Mo ottimizzati per il funzionamento con radiazione di lunghezza d onda tra 12 e 19 nm ad incidenza normale. Il lavoro Ł stato volto alla ottimizzazione dei parametri di crescita quali la potenza di sputtering, la temperatura del substrato, la pressione del gas, la distanza tra i target e il substrato e il tempo di deposizione del singolo strato. Sono state utilizzate piø configurazioni geometriche di deposizione ed Ł stata infine introdotta una certa automazione del processo, per aumentarne la produttivit e la ripetibilit . Le ottiche prodotte, cos come molti campioni preliminari, sono state caratterizzate con tecniche nucleari (RBS ed ERD) per la composizione e lo studio dei profili di omogeneit di deposizione, con le tecniche di diffrazione di raggi X ad angolo radente (XRR e XRD) per studiare la periodicit , gli effetti della rugosit , e la microstruttura degli strati; con la microscopia elettronica a trasmissione (TEM) ed infine con misure di riflettivit ad incidenza normale a lunghezze d onda pari a quelle previste per il funzionamento. La tesi Ł cos strutturata: nel capitolo 1 vengono descritti brevemente i principi di funzionamento degli specchi a multistrato per radiazione nella regione dell estremo ultravioletto; nel capitolo 2 viene presentato lo stato dell arte della produzione e delle propriet di specchi nell intervallo di lunghezze d onda tra 2.3 nm e 30 nm. Sono passate in rassegna alcune tipologie di specchi tra i piø utilizzati.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Guido Salmaso Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 788 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.