Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disturbi neuropsichiatrici e cognitivi nella sclerosi multipla

Il presente lavoro prende in esame la sclerosi multipla - malattia neurologica progressiva e spesso invalidante che colpisce in genere i giovani adulti - sia con riferimento alla sintomatologia e ai disturbi cognitivi e neuropsichiatrici che essa comporta, sia alle conseguenze che questa può avere sull'equilibrio psico-emotivo di chi ne è colpito e dei suoi cari. Una particolare attenzione sarà rivolta ai risvolti psicologici della malattia, in riferimento agli aspetti sopra citati.

Nella prima parte ci soffermeremo sulla descrizione della patologia, di cui illustreremo una breve storia – dalla scoperta ai giorni nostri - e sui suoi sintomi, dedicando uno spazio ai criteri diagnostici e all'impatto che la formulazione della diagnosi può avere sul paziente.

Nel secondo capitolo affronteremo gli aspetti terapeutici con particolare riferimento al tema dell'aderenza e della compliance, al legame esistente cioè tra il successo della terapia e l'approccio del paziente soffermandoci sui diversi modelli relazionali tra il neurologo e il soggetto colpito da SM.

Nel terzo e quarto capitolo verranno presi in esame i disturbi della sclerosi multipla che più sono attinenti alla sfera psicologica del soggetto che ne è affetto, ossia quelli cognitivi e neuropsichiatrici: con riferimento ai primi, ossia i deficit di attenzione, della velocità di elaborazione delle informazioni, della memoria e delle funzioni esecutive, descriveremo l'importanza dell'assessment neuropsicologico ai fini della riabilitazione cognitiva e passeremo in rassegna i più moderni strumenti di valutazione e di intervento; riguardo ai secondi, ci sofferemermo sulla controversa origine della depressione nella SM e sulle diverse interpretazioni che la letteratura scientifica le ha attribuito.

Infatti è ancora aperta la questione se la depressione possa intendersi predittore di malattia o se abbia invece natura reattiva, sia cioè la conseguenza emotiva di una patologia devastante anche dal solo punto di vista psicologico. Riguardo alle emozioni e al loro legame con la SM, il presente lavoro descriverà gli studi che sono stati effettuati sulle ripercussioni della sclerosi multipla sulle abilità di social cognition e sulla teoria della mente.
Descriveremo poi l'impatto che la sclerosi multipla può avere sulla vita sociale del paziente: sul Sistema-Famiglia, sulla relazione di coppia e sul lavoro. In particolare, ci soffermeremo sul caregiver e sulla mancanza, a oggi, di un riconoscimento giuridico di questa figura.

Infine, passeremo in rassegna le strategie psicoterapeutiche e di sostegno più accreditate ed efficaci per aiutare il soggetto colpito da sclerosi multipla ad affrontare con maggior serenità possibile il dispiegarsi di un così brutale evento nel corso della propria esistenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
  4   Introduzione Il presente lavoro prende in esame la sclerosi multipla - malattia neurologica progressiva e spesso invalidante che colpisce in genere i giovani adulti - sia con riferimento alla sintomatologia e ai disturbi cognitivi e neuropsichiatrici che essa comporta, sia alle conseguenze che questa può avere sull’equilibrio psico-emotivo di chi ne è colpito e dei suoi cari. Una particolare attenzione sarà rivolta ai risvolti psicologici della malattia, in riferimento agli aspetti sopra citati. Nella prima parte ci soffermeremo sulla descrizione della patologia, di cui illustreremo una breve storia – dalla scoperta ai giorni nostri - e sui suoi sintomi, dedicando uno spazio ai criteri diagnostici e all’impatto che la formulazione della diagnosi può avere sul paziente. Nel secondo capitolo affronteremo gli aspetti terapeutici con particolare riferimento al tema dell’aderenza e della compliance, al legame esistente cioè tra il successo della terapia e l’approccio del paziente soffermandoci sui diversi modelli relazionali tra il neurologo e il soggetto colpito da SM. Nel terzo e quarto capitolo verranno presi in esame i disturbi della sclerosi multipla che più sono attinenti alla sfera psicologica del soggetto che ne è affetto, ossia quelli cognitivi e neuropsichiatrici: con riferimento ai primi, ossia i deficit di attenzione, della velocità di elaborazione delle informazioni, della memoria e delle funzioni esecutive, descriveremo l’importanza dell’assessment neuropsicologico ai fini della riabilitazione cognitiva e passeremo in rassegna i più moderni strumenti di valutazione e di intervento; riguardo ai secondi, ci sofferemermo sulla controversa origine della depressione nella SM e sulle diverse interpretazioni che la letteratura scientifica le ha attribuito. Infatti è ancora aperta la questione se la depressione possa intendersi predittore di malattia o se abbia invece natura reattiva, sia cioè la conseguenza emotiva di una patologia devastante anche dal solo punto di vista psicologico. Riguardo alle emozioni e al loro legame con la SM, il presente lavoro descriverà gli studi che sono stati effettuati sulle ripercussioni della sclerosi multipla sulle abilità di social cognition e sulla teoria della mente. Descriveremo poi l’impatto che la sclerosi multipla può avere sulla vita sociale del paziente: sul Sistema-Famiglia, sulla relazione di coppia e sul lavoro. In particolare, ci soffermeremo sul caregiver e sulla mancanza, a oggi, di un riconoscimento giuridico di questa figura.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Teresa Damato Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 116 click dal 27/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.