Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'oceano blu della telefonia: casi Apple e Xiaomi

Il problema da affrontare riguarda l'analisi della blue ocean strategy relativamente al settore della telefonia, più in particolare a due grandi realtà: Apple e Xiaomi. L'analisi si concentrerà soprattutto sulla strategia canvas e sui 'four actions framework'.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “L’unico vantaggio competitivo sostenibile consiste nella capacità di apprendere e di cambiare più rapidamente degli altri”. Philp Kotler L’evoluzione digitale ha completamente stravolto i vari settori economici, tra cui il settore della telefonia. Basti pensare a come questo sia variato in pochissimi anni: sebbene al giorno d’oggi sarebbe impossibile rinunciare al proprio apparecchio telefonico, agli inizi degli anni duemila il telefono cellulare era un prodotto destinato a pochi. Questa evoluzione è ben visibile da due elementi, riguardanti l’utilizzo e il nome del proprio telefono. Per quanto riguarda l’utilizzo questo è sotto gli occhi di tutti, pensando alla propria quotidianità, sia dal punto di vista lavorativo sia da quello non lavorativo. Lo si utilizza per scrivere una e-mail, per controllare i propri social network oppure per navigare in rete: un impiego a 360 gradi. Mentre potrebbe risultare strano a primo impatto una riflessione sul nome, ma in realtà non è così. Fino a 10 anni venivano usati termini come ‘telefono cellulare’ o semplicemente ‘cellulare’, oggi invece si parla di ‘smartphone’. Ciò denota in modo inevitabile il progresso che si è attestato all’interno del settore: da un prodotto analogico che svolgeva ristrette funzioni, si è passati ad un prodotto digitale, un prodotto ‘intelligente’, il quale ha ampliato il range di attività in cui poter operare. Questi concetti vanno inseriti però in contesto più ampio. In una realtà economica stagnante, dove l’offerta tende a superare la domanda, si è diffusa l’erronea opinione che per restare sul mercato, la soluzione sia raggiungere un vantaggio competitivo attraverso una lotta concorrenziale con i vari competitors. C’è una variabile fondamentale che non si deve tralasciare: il mondo intorno a noi sta cambiando, e lo sta facendo velocemente. La soluzione quindi, non è focalizzarsi sull’operato delle aziende concorrenti, bensì quella di puntare allo sconosciuto, guardare oltre rispetto al settore che già si conosce. Quando si parla di strategia

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marco Toneguzzi Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 175 click dal 27/04/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.