Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo stress lavoro correlato e rischi psicosociali emergenti

Lo stress legato al mondo lavorativo è un tema più che mai attuale. L’intento del mio elaborato è esaminare I rischi emergenti e le relative metodiche di valutazione, di prevenzione e di intervento. Il primo capitolo approfondisce la parte normativa sulla salute e sulla sicurezza lavorativa e sullo stress lavoro correlato. Nel secondo capitolo analizzo il concetto di stress, iniziando dalla nascita del costrutto teorico, al suo sviluppo sino ai giorni nostri, per poi collegarmi al costrutto di stress lavorativo. Il terzo capitolo focalizza il tema dei rischi psicosociali, evidenziando quelli emergenti sia in Italia sia in Europa. Il quarto capitolo esamina, partendo da una panoramica generale del contesto economico-politico collegato ai rischi psicosociali dello stress.Il quinto capitolo mette a confronto due metodi di valutazione dello stress lavoro correlato. Il sesto capitolo descrive la ricerca effettuata presso una pubblica amministrazione sullo stress lavoro correlato e alcuni costrutti che correlano con esso quali Public service motivation, work e life satisfaction, work engagement.

Mostra/Nascondi contenuto.
24 Capitolo 2 Salute, stress, e stress lavoro correlato In questo capitolo approfondirò il concetto di stress; inizierò dalla sua prima definizione, per poi tracciare l’evoluzione del concetto negli ultimi anni. Descriverò lo stress correlato al lavoro, passando in rassegna le principali teorie di studio e di ricerca e le ultime survey in campo Europeo. La salute è la condizione ideale dalla quale partiamo tutti o quella che vorremmo raggiungere; tutti possono vivere potenzialmente una condizione di stress tale da perdere il nostro stato di salute. La salute è stata definita nella Costituzione dell’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità, 1948) 33 come " lo stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non la semplice assenza di malattia" 1 (Testo Unico sulla sicurezza, 2008, Art. 2, comma 1, lett. O, D.lgs. n. 81/2008). 34 La salute è un diritto fondamentale dell’essere umano, ed è il punto di partenza per comprendere lo stress. Gli individui, per svariati motivi, possono perdere “un tassello” che li porta a non essere più in uno stato di salute. Lo stress può essere definito come “la risposta non specifica dell’organismo umano di fronte qualsiasi sollecitazione e stimolo gli si presenti, che innesta una normale reazione di adattamento, che può arrivare a essere patologica in situazioni estreme” (Girard A., Penati V., Ferrari G., 2016, cap.1, pg.16). 35 L’uomo è in costante relazione con l’ambiente, ed è formato da aspetti comportamentali, fisici, cognitivi, emotivi, relazionali, in costante interazione reciproca. L’ambiente a sua volta è composto da elementi fisici, ergonomici, comunicativi, relazionali e organizzativi. Lo stress si manifesta quando l’organismo deve rispondere a qualsiasi stimolo proveniente dal mondo esterno; tale risposta non è altro che un adattamento del comportamento e un’attivazione dei sistemi biologici (psico-neuro-endocrini) che permettono di affrontare la situazione o di adattarcisi. Lo stress, etimologicamente parlando, non è negativo, non è altro che il meccanismo che ci fa andare avanti nella vita; è un processo di apprendimento 33 OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) 34 AA.VV., Testo Unico sulla sicurezza, (2008). (Art. 2, comma 1, lett. o, D.lgs. n. 81/2008) in Nunin, 2014, “Prevenzione dello stress lavoro-correlato e responsabilità datoriali: nuove prospettive per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”. I WORKING PAPERS DI OLYMPUS, a cura di Luciano Angelini. “La prevenzione dei rischi da stress lavoro-correlato. Profili normativi e metodiche di valutazione” Atti del Convegno Urbino-8 novembre 2013 a cura di Luciano Angelini, Disponibile da: http://ojs.uniurb.it/index.php/WP-olympus/article/view/425/409 35 Girard A., Penati V., Ferrari G., (a cura di), (2016). Manuale di valutazione dello stress e dei rischi psicosociali. Linee Guida e Strumenti d'Indagine. Milano: Ed. Ferrari Sinibaldi e-book da: http://cagliari.medialibrary.it/

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Carla Sulis Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 140 click dal 09/05/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.