Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria del ragionamento giuridico di Neil MacCormick, un approccio post-positivista all'argomentazione

Questa tesi tratta della teoria del ragionamento giuridico di MacCormick. Questo perché attraverso lo studio del ragionamento giuridico si può fornire una risposta ad uno dei temi più rilevanti ed attuali all’interno del dibattito giusfilosofico contemporaneo: le modalità di giustificazione della sentenza giudiziale. È necessario comprendere natura e struttura del ragionamento compiuto dal giudice all’atto di decidere un caso concreto e determinare i meccanismi che hanno contribuito all’emanazione di una certa sentenza corredata da una determinata motivazione. Di questo si occupa, appunto, il ragionamento giuridico.
L’indagine svolta in questa sede prende le mosse dalla concezione giuspositivista del ragionamento giuridico, per approdare in seguito ad un superamento del positivismo giuridico stesso in concomitanza con la pubblicazione, nel 1978, dell’opera Legal Reasoning and Legal Theory di MacCormick. La sua teoria del ragionamento giuridico può definirsi post-positivista perché, una volta constatata la parziale inadeguatezza delle idee positiviste al fine di descrivere l’attività svolta dagli operatori del diritto, MacCormick riporta in auge l’idea che l’argomentazione abbia un ruolo chiave in ambito giuridico. Il contesto giudiziale, di cui il processo costituisce un elemento, è un contesto in cui più parti interagiscono tra loro ed argomentano a favore delle tesi che presentano. Ecco perché nel titolo della nostra tesi è indicato un approccio post-positivista all’argomentazione.
La proposta, in conclusione di questo studio, è quella di includere MacCormick tra i teorici dell’argomentazione giuridica. Questo per la considerazione che egli riserva, nelle sue riflessioni, agli aspetti argomentativi del diritto, tra cui l’interpretazione. MacCormick sottolinea come il diritto non possa essere considerato un’attività che si compone soltanto di norme generali ed astratte compendiate in codici completi ed univoci. Il diritto può invece essere descritto come una pratica sociale ed argomentativa, volta alla risoluzione delle controversie.

Mostra/Nascondi contenuto.
IX ABSTRACT Questa tesi tratta della teoria del ragionamento giuridico di MacCormick. Questo perché attraverso lo studio del ragionamento giuridico si può fornire una risposta ad uno dei temi più rilevanti ed attuali all’interno del dibattito giusfilosofico contemporaneo: le modalità di giustificazione della sentenza giudiziale. È necessario comprendere natura e struttura del ragionamento compiuto dal giudice all’atto di decidere un caso concreto e determinare i meccanismi che hanno contribuito all’emanazione di una certa sentenza corredata da una determinata motivazione. Di questo si occupa, appunto, il ragionamento giuridico. L’indagine svolta in questa sede prende le mosse dalla concezione giuspositivista del ragionamento giuridico, per approdare in seguito ad un superamento del positivismo giuridico stesso in concomitanza con la pubblicazione, nel 1978, dell’opera Legal Reasoning and Legal Theory di MacCormick. La sua teoria del ragionamento giuridico può definirsi post-positivista perché, una volta constatata la parziale inadeguatezza delle idee positiviste al fine di descrivere l’attività svolta dagli operatori del diritto, MacCormick riporta in auge l’idea che l’argomentazione abbia un ruolo chiave in ambito giuridico. Il contesto giudiziale, di cui il processo costituisce un elemento, è un contesto in cui più parti interagiscono tra loro ed argomentano a favore delle tesi che presentano. Ecco perché nel titolo della nostra tesi è indicato un approccio post-positivista all’argomentazione. La proposta, in conclusione di questo studio, è quella di includere MacCormick tra i teorici dell’argomentazione giuridica. Questo per la considerazione che egli riserva, nelle sue riflessioni, agli aspetti argomentativi del diritto, tra cui l’interpretazione. MacCormick sottolinea come il diritto non possa essere considerato un’attività che si compone soltanto di norme generali ed astratte compendiate in codici completi ed univoci. Il diritto può invece essere descritto come una pratica sociale ed argomentativa, volta alla risoluzione delle controversie.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gloria Trevisan Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 37 click dal 16/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.