Studio dell’effetto di alcuni co-catalizzatori metallici sull’elettrocatalisi dell’oro per l’analisi dei carboidrati

I carboidrati insieme ai lipidi, proteine e acidi nucleici sono considerati le molecole organiche biologicamente essenziali in quanto presenti in tutti gli organismi viventi. In particolare essi sono i composti organici più abbondanti sulla Terra ed hanno una funzione energetica e sono presenti in tutti gli alimenti, sia di origine vegetale che animale. Proprio per questi motivi l’analisi dei carboidrati in varie matrici è essenziale per identificare la qualità del prodotto; ad esempio la determinazione delle quantità di zuccheri presenti nei mosti è tra le analisi più importanti, in quanto dalla maggiore o minore “ricchezza” zuccherina dipenderà il grado alcolico del futuro vino.
Importante è la determinazione della quantità di glucosio nel sangue, per la diagnosi ed il controllo terapeutico di diverse importanti patologie. Durante la glicolisi gli zuccheri vengono trasformati da enzimi allosterici, come l’esocinasi e la glucocinasi, in glucosio 6-fosfato che tramite reazioni successive viene trasformato in acido lattico (o etanolo attraverso la fermentazione alcoolica) ed ATP che è fonte di energia. Nei pazienti che soffrono di diabete è carente l’enzima glucocinasi, che entra in gioco nel fegato quando la concentrazione di glucosio nel sangue è particolarmente elevata. La grande quantità di zuccheri nel sangue è responsabile di diversi problemi al tessuto cardiocircolatorio che possono portare ad importanti patologie come infarto, perdita della vista, indebolimento del sistema immunitario e ritardi nella cicatrizzazione delle ferite.
L’esigenza di determinare quantità anche in tracce dei vari carboidrati nei diversi contesti analitici, necessita di essere supportata da metodiche analitiche dotate di elevata sensibilità, specificità e robustezza. L’assenza di gruppi cromofori e fluorofori, rende queste classi di molecole non idonee per analisi di tipo spettrofotometrico, mentre la presenza di gruppi elettro-ossidabili (i.e. gruppo aldeidico) ne può permettere la loro determinazione tramite l’ausilio di tecniche voltammetriche e/o amperometriche. Negli ultimi decenni, lo sviluppo e realizzazione di procedure amperometriche pulsate (PAD, Pulsed Amperometry Detection), abbinate alla cromatografia anionica ha notevolmente contribuito alla definizione e messa a punto di strategie analitiche basate su comuni presupposti di semplicità, sensibilità e riproducibilità nei svariati contesti dell’analisi a campioni reali.
Questo lavoro di Tesi si è prefissato lo scopo di investigare in dettaglio alcune performance voltammetriche/amperometriche di elettrodi tradizionali a base di oro policristallino, modificando la sua superficie con alcune specie di metalli pesanti (bismuto, cadmio e stagno). L’abbinamento della rivelazione amperometrica con la cromatografia ionica ne rappresenta lo scopo ultimo per la definizione di sempre più potenti strategie analitiche per l’analisi in tracce di queste importanti classi di molecole.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione 1 1. Introduzione I carboidrati insieme ai lipidi, proteine e acidi nucleici sono considerati le molecole organiche biologicamente essenziali in quanto presenti in tutti gli organismi viventi. In particolare essi sono i composti organici più abbondanti sulla Terra ed hanno una funzione energetica e sono presenti in tutti gli alimenti, sia di origine vegetale che animale. Proprio per questi motivi l’analisi dei carboidrati in varie matrici è essenziale per identificare la qualità del prodotto; ad esempio la determinazione delle quantità di zuccheri presenti nei mosti è tra le analisi più importanti, in quanto dalla maggiore o minore “ricchezza” zuccherina dipenderà il grado alcolico del futuro vino. Importante è la determinazione della quantità di glucosio nel sangue, per la diagnosi ed il controllo terapeutico di diverse importanti patologie. Durante la glicolisi gli zuccheri vengono trasformati da enzimi allosterici, come l’esocinasi e la glucocinasi, in glucosio 6-fosfato che tramite reazioni successive viene trasformato in acido lattico (o etanolo attraverso la fermentazione alcoolica) ed ATP che è fonte di energia. Nei pazienti che soffrono di diabete è carente l’enzima glucocinasi, che entra in gioco nel fegato quando la concentrazione di glucosio nel sangue è particolarmente elevata. La grande quantità di zuccheri nel sangue è responsabile di diversi problemi al tessuto cardiocircolatorio che possono portare ad importanti patologie come infarto, perdita della vista, indebolimento del sistema immunitario e ritardi nella cicatrizzazione delle ferite. L’esigenza di determinare quantità anche in tracce dei vari carboidrati nei diversi contesti analitici, necessita di essere supportata da metodiche analitiche dotate di elevata sensibilità, specificità e robustezza. L’assenza di gruppi cromofori e fluorofori, rende queste classi di molecole non idonee per analisi di tipo spettrofotometrico, mentre la presenza di gruppi elettro-ossidabili (i.e. gruppo aldeidico) ne può permettere la loro determinazione tramite l’ausilio di tecniche voltammetriche e/o amperometriche.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrick Mancuso Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28 click dal 22/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.