Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gioco d'azzardo e conflitto istituzionale: il caso del Piemonte

Il mio lavoro consiste nella ricerca approfondita del fenomeno gioco d’azzardo, dalla sua storia, alla genealogia di massa, tal proposito ho fatto ricorso agli studi preziosi fatti dalla ricercatrice N.D. Schüll, fino ad una società dipendente dal gambling dei sociologi G. Serpelloni e M. Pedroni e integrazioni con i libri: «La società dipendente», di P.F. D’Egidio e Alfio Luchini, per la parte riguardante F. Luchini, e «Fate il nostro gioco» di Paolo Canova e Diego Rizzuto entrambi divulgatori scientifici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 2. Genealogia del gioco d’azzardo di massa. 2.1 La ludopatia. In Italia esiste una slot machine ogni 143 abitanti, nella nostra società, i maggiori 1 giocatori sono gli anziani, che tendono ad essere emarginati, perché visti come un peso, che richiedono attenzioni e cure, che prediligono i Gratta e Vinci. C’è un’altra realtà, rappresentata dall’uomo medio, di mezza età, che compulsivamente infila monetine nelle slot machine, creando una simbiosi tra individuo e dispositivo. La dottoressa Schüll, spiega nella sua ricerca durata quindici anni, (pubblicata dall’editrice universitaria di Princeton e tradotta da Irene Sorrentino, per Luca Sossella editore), quali sono i meccanismi che entrano in gioco e creano dipendenza. Dimostra il connubio vincente della ripetizione di episodi corti e semplici, che creano dipendenza, mentre l’industria del gioco pensa ad aumentare i propri profitti. Nel 1972, nel suo libro Robert Venturi, Learning from Las Vegas, poneva 2 l’attenzione su un altro fattore determinante, l’effetto attrattivo dell’ambiente circostante, sui possibili giocatori. Egli evidenziava che la vera rivoluzione in campo architettonico, consisteva nell’imparare adeguandosi al mondo circostante, che è qualcosa di rivoluzionario per un architetto. Per questo, il luogo dove apprendere maggiormente risultava la “Strip” di Las Vegas, ossia la strada più commerciale della capitale del gioco d’azzardo: «La grande insegna, “balza in avanti”, per collegare l’automobilista al negozio […] il segno grafico Stefano Cristante: Il Quotidiano di Puglia del 14/05/2016. 1 R. Venturi: Imparando da Las Vegas (1972), in G. Chiurazzi, Il post-moderno. Il 2 pensiero nella società comunicazione, Paravia, Torino, 1999, p.115 13

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Crescenzo Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 29 click dal 11/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.