Skip to content

Movimenti sociali e democrazia nell'epoca della crisi: il caso degli indignados

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Scornaienchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze politiche e sociali
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Giorgio Giraudi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Nella mia tesi si parla di un fenomeno che è centrale in questo nostro inizio di secolo, quello della cosiddetta crisi della democrazia. Quando si parla di crisi della democrazia si intende la democrazia che abbiamo sotto gli occhi, la democrazia rappresentativa. Di fianco a questa crisi e indissolubilmente intrecciata ad essa vi è quella dello stato-nazione.
Di fronte a queste crisi, e alla crisi economica scoppiata nel 2008, assistiamo al nascere di movimenti sociali che mettono al centro la questione della democrazia e iniziano a pensare e praticare concezioni di democrazia diverse da quella liberale.
In prima battuta la tesi proverà a spiegare cosa parliamo quando parliamo di democrazia, di mostrare il legame che esiste tra la nascita della democrazia liberale e la formazione dello stato-nazione per poi mettere in luce la crisi di queste due istituzioni.
Si analizza la utilizzando il concetto di Postdemocrazia e mettendo in luce come i processi di globalizzazione abbiano conseguenze e siano centrali nella crisi dello stato-nazione e di conseguenza della democrazia rappresentativa.
Si è provato poi a capire se possa esistere la democrazia al di fuori dello stato-nazione utilizzando come caso quello dell'Unione Europea, in particolare si metterà in evidenza la gestione della crisi economica a livello comunitario, utilizzato come esempio di deficit di legittimità.
Proprio lo scoppiare della crisi economica e le politiche di austerità ad essa associate faranno sorgere dei movimenti sociali a livello globale che si opporanno alle politiche d'austerità, pensiamo ad Occupy Wall Street ma anche a quella che è stata la Primavera Araba. Si analizzeranno le caratteristiche comuni che hanno i diversi movimenti nati a partire dalla crisi economica del 2008.
Infine l'analisi si sposterà in maniera più particolareggiata sul movimento degli Indignados. Si analizzerà la genesi del movimento e il contesto politico e sociale all'interno del quale è nato.
Si vedranno quelle che sono le rivendicazioni portate avanti, soffermandoci in particolar modo sulla richiesta di democrazia reale che arriva dal movimento, e si vedranno le pratiche di democrazia, alternative a quella rappresentativa, portate avanti all'interno dagli Indignados.
In sintesi l’obiettivo della tesi una volta che verranno analizzate quelle che sono le caratteristiche, i temi e le pratiche portate avanti dai movimenti anti-austerity in generale e dagli indignados in particolare, è quello di provare a rispondere ad alcune domande che suonano così: i movimenti sociali nati nel contesto della crisi, in particolare gli indignados, che tipo di trasformazioni riescono a produrre nella società e sullo scenario politico-istituzionale? E per quando riguarda l’aspetto, che già ora possiamo dire essere centrale, della partecipazione politica e della democrazia, le pratiche degli indignados, le loro concezioni di un’altra democrazia, riescono ad incidere nel cambiamento dell’attuale forma di democrazia? O capovolgendo la domanda, parafrasando il titolo di una recente opera in inglese di Donatella Della Porta (2013), la democrazia può essere salavata dalle nuove forme di partecipazione poliatica proposte dai movimenti?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’epoca della crisi, così potremmo definire questo inizio di secolo; oltre alla crisi economica iniziata nel 2007, quello che sembra caratterizzare questo nuovo secolo è la crisi e la messa in discussione di due istituzioni fondamentali della società, indissolubilmente intrecciate tra loro, la democrazia liberale - rappresentativa e lo stato- nazione. La democrazia affronta una crisi su più livelli, messa in discussione all’interno degli stati con la crescente sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni democratiche, messa in discussione dalla globalizzazione e dalla nascita di centri decisionali che operano su un livello sovranazionale e che mettono in discussione il ruolo stesso dello stato-nazione, all’interno del quale la democrazia rappresentativa è nata. “Le tendenze di sviluppo raggruppabili sotto l’etichetta della “globalizzazione” modificano una costellazione storica che si caratterizzava per la coincidenza, diciamo così, coestensiva – all’interno degli stessi confini nazionali – di stato, società ed economia.” (Habermas, 1999, p. 105) Confini ora messi in discussione da un’economia sempre più globalizzata, da decisioni che vengono prese sempre più al di fuori dei confini degli stati. Crisi che mette in discussione anche il compromesso che dopo la seconda guerra mondiale aveva permesso la costruzione dello stato sociale nell’Europa occidentale e la nascita di economie miste nelle quali il ruolo attivo dello stato permetteva la realizzazione di sistemi di protezione sociale atti a garantire diritti sociali fondamentali e a limitare i costi sociali del capitalismo. (Crouch, 2003) Davanti a questo scenario abbiamo assistito all’emergere di movimenti sociali che oltre a portare avanti rivendicazioni specifiche, praticano e mettono al centro della loro azione concezioni della democrazia diverse da quella liberale; in particolare i movimenti nati nel 2011 che si sono opposti alle conseguenze della crisi finanziaria e all’inadeguatezza delle politiche usate per affrontarla, mettono al centro delle loro rivendicazioni la domanda di un’altra democrazia, criticando quella attuale, accusata ormai di essere una democrazia solo a livello formale. È quello che è avvenuto all’interno dell’UE, dove si sono avute proteste durevoli e di massa in Grecia, Portogallo e Spagna, contro le misure d'austerità decise a livello Europeo, mettendo in discussione anche la legittimità democratica delle decisioni prese dalle istituzioni 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi