Skip to content

Il ruolo del Ce.Di. in una Supply Chain: analisi dei principali aspetti gestionali e organizzativi che influenzano l'efficienza e la competitività di una azienda

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Ghisu
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Gianfranco Fancello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

Descrizione delle caratteristiche Supply Chain e ruolo dei centri di distribuzione al suo interno. Descrizione accurata dei Ce.Di. : caratteristiche strutturali interne e macchinari utilizzati all'interno per la movimentazione delle merci.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione La presente tesi, di tipo compilativo, ha come obiettivo la descrizione del ruolo e del funzionamento dei Centri di Distribuzione (Ce.Di.) all'interno della catena logistica. Il successo di una azienda dipende sempre più dalle relazioni con fornitori e clienti che vanno a realizzare la supply chain, in cui diversi attori progettano, riforniscono, producono e distribuiscono: ottimizzare le diverse fasi di una catena logistica è perciò un requisito fondamentale perché un'azienda sia competitiva. Per valutare i profitti non è più sufficiente considerare la sola relazione cliente-fornitore, ma occorre studiare ogni elemento della catena logistica, per valutare quale ruolo esso assume rispetto all'intero processo; per esempio supponendo di acquistare un prodotto da un determinato fornitore al costo di un euro, questo non sarebbe il costo totale del prodotto. Il fornitore, per quanto possa trovarsi nelle immediate vicinanze dell'acquirente, è comunque un elemento esterno, per cui il prodotto dovrà essere spostato e questo implicherà un costo di trasporto: esso dipenderà sia dalla tipologia del prodotto sia dalle distanze in gioco. Inoltre, dovrà tenere conto anche di eventuali dazi doganali e sovrattasse sul carburante. Esso sarà soggetto alle operazioni di carico e scarico dai vari mezzi di trasporto, le quali determineranno un costo aggiuntivo di movimentazione. Supponendo che il prodotto sia a questo punto giunto presso il centro di distribuzione, esso viene controllato per poi giacere sino alla successiva produzione o vendita. Ogni giorno di permanenza nel magazzino determina un costo aggiuntivo. Quando esso viene ordinato, è nuovamente soggetto a costi di movimentazione e trasporto. È evidente che il costo del prodotto non sia realmente un euro. Per questa ragione è importante analizzare la Supply Chain per capire quale sia il reale costo per l'azienda di un prodotto acquistato a un euro. Applicando le giuste leve è possibile ridurre il costo totale del prodotto. Il centro di distribuzione si trova al centro della catena logistica, esso abbatte i costi di trasporto, con un posizionamento ottimale rispetto alla rete distributiva, riduce i costi di magazzino ottimizzando le scorte e la pianificazione della domanda. L'obiettivo del presente lavoro di descrivere: principali aspetti che caratterizzano un Centro di Distribuzione come nodo intermedio di una catena logistica, al fine di rendere più competitivo il prodotto e quindi l'azienda. La descrizione riguarda i principali elementi dimensionali, funzionali, gestionali ed organizzativi di un Ce.Di. Questo studio è suddiviso in tre capitoli:  Nel capitolo 1 sono trattati tutti gli aspetti relativi alla logistica ed al trasporto merci, a partire da una breve storia sull'evoluzione della logistica, trattando poi le innovazioni e le strategie attuali, sino ad arrivare a uno studio dei costi logistici.  Nel capitolo 2 si tratta nel dettaglio l'importanza del Centro di Distribuzione all'interno della catena logistica, con particolare attenzione per l'aspetto strutturale e organizzativo, nonché per le tecnologie adoperate. Anche in questo capitolo è trattato il tema del costo, ma stavolta riferito solamente al Ce.Di., mostrando l'efficienza e la competitività del centro stesso per mezzo degli indici KPIs.  Il capitolo 3 contiene delle brevi descrizioni di Ce.Di. funzionanti e competitivi sul mercato, mostrando quali aspetti vengono comunemente adottati da aziende diverse e quali invece differiscono per ottimizzare il sistema.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

supply chain management
supply chain
centri di distribuzione
galbani
amazon
flussi informativi
attori supply chain
mezzi movimentazione
kpis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi