Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Smart Cities: analisi e casi studio sulle città del futuro

Tale tesi presenta il fenomeno e lo sviluppo delle cosiddette “città intelligenti”, conosciute anche con l’anglicismo “smart cities”, nelle sue principali declinazioni. È stata affrontata questa tematica inizialmente partendo dal significato di tale termine, dai fattori che la determinano, e dai quadri integrativi che ne fanno parte, oltre che gli aspetti su cui si possono sviluppare, e gli ambiti in cui meglio si declina essa stessa.

Successivamente sono stati analizzati diversi modelli architetturali e di gestione per quanto riguarda lo sviluppo di diverse tipologie di smart city. Si è inoltre posto l’accento sull’aspetto sempre più importante al mondo d’oggi, dei “big data”, dell’”Internet of Things” e delle “Information and Communications Technologies” più in senso lato. Questo ambito è stato studiato anche e soprattutto per essere poi messo in relazione con l’oggetto principale della tesi.

Da un punto di vista geopolitico e urbanistico, in maniera deduttiva è stata analizzata la situazione sulla presenza e la modalità di smart cities, prima nel mondo, poi all’interno dell’Unione Europea, e infine a livello Italiano.

Si è infine, trattato tre casi studio su tre delle prime dieci città italiane, nel ranking “ICity Rate 2018” sulle migliori smart cities in Italia, intervistando le amministrazioni comunali, responsabili di tale ambito, delle città di Milano, Reggio e Parma.

È stato posto loro, un questionario di dieci domande, che verteva dai macro processi strutturali, a richieste specifiche, in diversi ed eterogenei ambiti di tale argomento.

Le risposte ai quesiti sono state riportate e infine parametrate fra loro al fine di giungere a cosa li differenzia, cosa accomuna, e cosa cambia fra le città di Milano, Parma e Bologna.

Le conclusioni tratte da questi casi studio, sono state riportate e rielaborate dal laureando al fine di trovare una progettazione e un’architettura ideale su cui porre le basi per una smart city del futuro sul piano dell’innovazione e della migliore efficacia del project management.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 SMART CITY: Storia di uno sviluppo tecnologico imprescindibile Introduzione Lo sviluppo urbano di questo 21esimo secolo, è uno degli aspetti che sempre più e sempre in più zone del mondo, sta cambiando paradigma, e gli studi e le ricerche relative alle smart cities sono diventati di primaria importanza per l’intero panorama mondiale, con il diretto coinvolgimento dell’entità politiche, di tutta la comunità scientifica e delle aziende e industrie di settore. Ad esempio la più grandi banche d’investimento multilaterale prevedono di investire 175 miliardi di dollari in sistemi di traporto sostenibili nel prossimo decennio, e IBM ha assegnato 50 milioni di dollari sulle tecnologie e i servizi affinché vadano in aiuto a 100 comuni nel mondo. Questi e altri simili sforzi sono stati previsti affinché le città diventino più intelligenti in diversi ambiti inclusa l’efficienza, efficacia, produttività, trasparenza e sostenibilità. Le Nazioni Unite stimano che entro i prossimi 32 anni la popolazione mondiale aumenterà del 32% passando da 7,2 a 9,7 miliardi di persone, mentre la popolazione urbana aumenterà ben del 63% da 3,9 a 6,3 miliardi di abitanti. Le stesse stime affermano che fino al 2030, più del 60% della popolazione mondiale vivrà nelle città, e da un punto di vista geografico, saranno Asia, Africa e America Latina, i continenti che avranno le suddette crescite più significative. La ragione di questa necessità d’incremento urbanistico è duplice: in parte è dovuta alla migrazione delle popolazioni dall’aree rurali alle città, alla ricerca di una vita migliore (lavoro, istruzione, assistenza medica, accesso alla cultura ecc.), d’altra parte il motivo è dovuto all’espatrio dai Paesi poveri che sono succubi di conflitti sociali e militari, verso paesi pacifici e maggiormente industrializzati. Quindi, se il nostro pianeta sta diventando più “urbano”, le città necessitano di diventare più intelligenti e quindi “smart”. L'incremento di questi processi d’urbanizzazione ha bisogno di nuovi metodi e vie, di puro stampo innovativo, per sapere gestire ed amministrare la complessità e le problematiche della vita cittadina quali sovrappopolamento, consumo energetico, gestione delle risorse, protezione dell’ambiente, ecc.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Simone Carpi Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 93 click dal 27/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.