Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interazione secondo Erving Goffman e Harvey Sacks

Questo lavoro, tramite i punti di vista e gli studi di due sociologi del ‘900, pone l’attenzione sul mondo delle interazioni e tutta la struttura che le sorregge e accompagna, e sui comportamenti dei soggetti coinvolti in tali interazioni.
Erving Goffman e Harvey J. Sacks sono stati due dei più importanti sociologi dello scorso secolo che per la loro intuitività e modernità di pensiero, hanno rivoluzionato la sociologia. Nessuno dei due è mai stato inserito in una precisa corrente di pensiero, a dimostrazione del fatto che, la loro, era una visione nuova, incentrata su campi della sociologia praticamente inesplorati fino a quel momento. In particolare, sullo studio delle interazioni in scene di normalità nella vita quotidiana mediate dal linguaggio.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 Erving Goffman (1959), La vita quotidiana come rappresentazione , ed. it. Il mulino, Bologna, 1969. I n tro d u zi o n e « S ocietà è solo il nome con cui si indica una cerchia di individui legati gli uni agli altri da legami di reciprocità. » (George S immel, 1917 ) George S immel, considerato insieme a Durkheim fondatore della sociologia come disciplina indipendente, sostiene che la società sia caratterizzata dall’incessante interazione dei suoi elementi individuali; da tali relazioni reciproche, che accadono nella nostra realtà quotidiana, si formano unità oggettive (forme sociali) che hanno propria autonomia rispetto ai singoli e che creano la società. Gli studi e le analisi delle interazioni verbali e non, in cui siamo costantemente immersi durante la vita di tutti i giorni, hanno sempre suscitato in me grande interesse. Questo lavoro, tramite i punti di vista e gli studi di due sociologi del ‘900, pone l’attenzione sul mondo delle interazioni e tutta la struttura che le sorregge e accompagna, e sui comportamenti dei soggetti coinvolti in tali interazioni. E rving Goffman e Harvey J. S acks sono stati due dei più importanti sociologi dello scorso secolo che per la loro intuitività e modernità di pensiero, hanno rivoluzionato la sociologia. Nessuno dei due è mai stato inserito in una precisa corrente di pensiero, a dimostrazione del fatto che, la loro, era una visione nuova, incentrata su campi della sociologia praticamente inesplorati fino a quel momento. In particolare, sullo studio delle interazioni in scene di normalità nella vita quotidiana mediate dal linguaggio. Nella parte iniziale del primo capitolo, oltre a qualche tratto biografico di E rving Goffman, saranno presentate e contestualizzate all’interno delle varie correnti di pensiero del tempo le sue teorie e il metodo sociologico utilizzato per lo sviluppo delle sue ricerche. La seconda parte, per mezzo di un’analisi del suo lavoro più importante La vita quotidiana come rappresentazione 1 , si concentra sul cosiddetto “modello drammaturgico” e sulla “sociologia della vita quotidiana”.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Luca Marongiu Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17 click dal 03/08/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.