L'Impero del Brasile: una Monarchia americana

Il Brasile, il curioso esempio di un’indipendenza di stile monarchico.
La scelta di proporre un resoconto sulla storia imperiale del Brasile, così come emerge dalla bibliografia ragionata, e dalle biografie, dagli scritti di storia militare, dagli articoli di stampa e anche dai componimenti poetici, nasce dalla necessità di recuperare la memoria storica di due grandi Imperatori, D. Pedro I e il figlio D. Pedro II, portoghese il primo e brasiliano il secondo, di un’Imperatrice napoletana d’origine, Teresa Cristina di Borbone, ma anche il coraggio di una principessa Isabel, che da reggente al trono ebbe il merito di consentire al Brasile nel 1888 di porre fine all’orrore della schiavitù.
Queste figure storiche non hanno goduto nell’immediato, come altre personalità del passato, di una documentata e approfondita visione d’insieme. Solo dopo molti anni, la coscienza brasiliana si rese conto di quanto la famiglia imperiale sia stata importante per rendere il Brasile dei nostri giorni, un paese importante sotto gli aspetti economico, commerciale e militare.
La ricerca è stata effettuata anche attraverso la consultazione di opere della stessa epoca dell'Impero, e soprattutto le più esaustive, cosa che ha reso questa stesura non semplice, per via della traduzione di una lingua difficile come il portoghese, ma allo stesso tempo affascinante.
L’oggetto di questa tesi, è stato appunto l’analisi del periodo imperiale brasiliano iniziato con la dichiarazione d’indipendenza del 1825 e terminato con la proclamazione della Repubblica degli Stati Uniti del Brasile del 1889. Tuttavia è stato scelto di dare anche il giusto risalto, alle vicende che originarono dapprima la scoperta della terra brasiliana, successivamente la colonizzazione della stessa ed infine, appunto, all’inizio dell’era imperiale. Una scelta ponderata, dovuta al fatto, che gli scopritori portoghesi, non solo annunciarono al mondo l’esistenza del Brasile, ma ebbero soprattutto il merito, di abbattere credenze e superstizioni, e tracciare al mondo intero, nuove rotte commerciali, un tempo considerate impossibili.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il Brasile, il curioso esempio di un’indipendenza di stile monarchico. La scelta di proporre un resoconto sulla storia imperiale del Brasile, così come emerge dalla bibliografia ragionata, e dalle biografie, dagli scritti di storia militare, dagli articoli di stampa e anche dai componimenti poetici, nasce dalla necessità di recuperare la memoria storica di due grandi Imperatori, D. Pedro I e il figlio D. Pedro II, portoghese il primo e brasiliano il secondo, di un’Imperatrice napoletana d’origine, Teresa Cristina di Borbone, ma anche il coraggio di una principessa Isabel, che da reggente al trono ebbe il merito di consentire al Brasile nel 1888 di porre fine all’orrore della schiavitù. Queste figure storiche non hanno goduto nell’immediato, come altre personalità del passato, di una documentata e approfondita visione d’insieme. Solo dopo molti anni, la coscienza brasiliana si rese conto di quanto la famiglia imperiale sia stata importante per rendere il Brasile dei nostri giorni, un paese importante sotto gli aspetti economico, commerciale e militare. La ricerca è stata effettuata anche attraverso la consultazione di opere della stessa epoca dell'Impero, e soprattutto le più esaustive, cosa che ha reso questa stesura non semplice, per via della traduzione di una lingua difficile come il portoghese, ma allo stesso tempo affascinante. L’oggetto di questa tesi, è stato appunto l’analisi del periodo imperiale brasiliano iniziato con la dichiarazione d’indipendenza del 1825 e terminato con la proclamazione della Repubblica degli Stati Uniti del Brasile del 1889. Tuttavia è stato scelto di dare anche il giusto risalto, alle vicende che originarono dapprima la scoperta della terra brasiliana, successivamente la colonizzazione della stessa ed infine, appunto, all’inizio dell’era imperiale. Una scelta ponderata, dovuta al fatto, che gli scopritori portoghesi, non solo annunciarono al mondo l’esistenza del Brasile, ma ebbero soprattutto il merito, di abbattere credenze e superstizioni, e tracciare al mondo intero, nuove rotte commerciali, un tempo considerate impossibili. E, dunque, per tale motivo che l’elaborato si struttura in cinque capitoli, analizzando in modo completo ed esaustivo, un arco temporale che parte dallo studio della provincia romana della Lusitania, da cui deriva lo Stato portoghese, arrivando fino alla sopra menzionata proclamazione della Repubblica Brasiliana. Il primo capitolo, soprattutto nei primi due paragrafi, costituisce una ricostruzione storica, fondamentale per poter comprendere inizialmente le varie vicissitudini storiche, come la lotta contro Roma, le invasioni barbariche, arabe e soprattutto quelle del vicino Regno di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Mazzarelli Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 159 click dal 14/09/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.