Skip to content

Education, Interethnic Hatred, Identity: the Kurdish Question in South-Eastern Turkey

Informazioni tesi

Traduttore: Valentina Locatelli
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Istituzioni Europee
  Relatore: Paola Alessandra Rebughini
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 62

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"Educazione, odio interetnico, identità: la questione curda nel Sud-Est della Turchia"

“Why do Turks and Kurds hate each other?” I’ve asked myself this question many times, I’ve asked the interested parties, I keep asking myself which could be the roots of such a deep hatred. [...]
During my time in Turkey I had the chance to hear both sides on the Kurdish Question and I met Turks and Kurds of all ages, sex, religion and socio-cultural background, from the friends and colleagues working in local and foreign NGOs as humanitarian aid workers, to my conservative neighbours, from students to their grandmothers, from businessmen to marginalized families in the periphery, from activists to artisans in the bazaar, from lorry drivers I travelled with on long distances to the baker down the street.

I talked to many refugees, and to a Turkish soldier working at the border with Syria. I listened to kids, many kids. From the kids in the orphanage survived from war and misery, to the Turkish kids learning English in a private school in the city centre, from the ones in the outskirts of the city, who didn’t go to school, to the sons of my colleagues, grown up together with hundreds of international volunteers. From the refugees kids on the run with their families, to the ones alone, picking up rubbish in the street to re-sell it., to the hospitalized kids who didn’t know if they would grow up. In children, in all those children, I want to look for the virus of hatred towards the Other: can we talk about a hate virus? If yes, when does it set on? Is it possible to intervene before it sets on? How much does the environment where one grows up contribute to fueling hatred?

I did my research combining bibliographical and sitographical information with first-hand information collected during my stay in Turkey, observing and asking people questions.
I decided to identify and understand the main historical, political and sociological causes of mutual hatred between Kurds and Turks, trying to reply to my initial question, to then try to find possible solutions.
I think I owe it to all the people I met long the road, fighting every day to counteract this hatred and to promote equality and tolerance for all, without losing hopes.
In the first chapter I will go over a brief excursus on the history of Kurdistan, focusing on the 20th century happenings and the more recent history.
In the second chapter I will narrow down on education and the Turkish school system, looking for traces of hate speech rhetoric in socialization.
In the third and last chapter, I will talk about conflict transformation, trying to identify possible solutions in the field of peace education.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Abstract “Why do Turks and Kurds hate each other?” I’ve asked myself this question many times, I’ve asked the interested parties, I keep asking myself which could be the roots of such a deep hatred. On my second year of university I knew little on the Kurdish question and the situation of Kurdish people in South-Eastern Turkey, just the little I could read on online media, be it Italian or International. If it’s hard to find accurate information on the topic while doing research, though, it’s even harder that information finds you, when you are not looking for it. I had been in the South of Turkey for a youth exchange during that academic year, in autumn 2014, but the topic hadn’t come up in the discussions with my peers. My interest and my perception on the question changed dramatically after I left for an EVS project in Gaziantep, Turkey. Even though I was preparing to sit for exams in the then upcoming summer session, when I found out that an NGO was urgently looking for a volunteer for a last-minute project in Turkey I didn’t think it twice: I applied, got selected, left within a week. I took my decision quickly, despite the negative opinion of everyone surrounding me, and I booked a flight for Gaziantep, one of the provinces of Northern Kurdistan in Turkey, about 50 km from the border with Syria and about 130 km from Kobanê. It was summer 2015, the relation between the Turkish government and PKK was starting to crack again and the war was a constant in Syria, few kilometres away. In those moments I felt that it was the place where I had to be, pushed by the necessity of ‘doing something’, thinking mainly of the refugee crisis and the Syrian refugees I’d be working with according to my project description. What I didn’t know, while waiting for my connection flight in Sabiha Gökçen Airport, was that I was about to live an experience that would have changed me for good, would have changed my way

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi