Skip to content

Villa Rovereti Rizzardi: Una villa veneta in Valpolicella vista attraverso la storia delle famiglie che la abitarono

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Curti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Enrico Maria Dal Pozzolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

La storia di una villa veneta nel cuore delle colline di Negrar, comune tra i più noti della Valpolicella. Questa tesi raccoglie le vicende umane e architettoniche che vedono protagonista Villa Rovereti Rizzardi, abitazione di campagna esemplificativa del '500, periodo d'oro della costruzione delle ville venete, che ancora oggi caratterizzano il paesaggio veronese e veneto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione La costruzione delle ville di campagna ha come fine ultimo anche (come vedremo non sarà il solo) la dimostrazione di potere e affermazione sociale che caratterizza i ceti più illustri fin dall’antichità. In tutto il Veneto questa “febbre dell’edilizia” ha dato il via ad un fenomeno unico: tra il XVI e il XVIII secolo si ipotizza che siano sorte sul territorio veneto circa 4.300 abitazioni di pregio, simbolo della nobiltà di terraferma, figlia della potente Serenissima Repubblica di Venezia. 1 Centocinquanta di questi capolavori dell’architettura sono ora aperti al visitatore, ma la maggior parte si cela alla vista; nascoste, dimenticate o destinate ad abitazione privata, le ville delle province venete meritano di recuperare almeno una parte dell’antico sfarzo di cui erano ammantate ai tempi della Serenissima. La fine della Repubblica fu sancita il 12 maggio 1797, quando Napoleone ingiunse al Maggior Consiglio, la più alta istituzione veneziana, seconda solo al Doge, di sciogliersi definitivamente. Le truppe francesi minacciavano i nobili del Consiglio con l’ombra dell’esproprio: tutte le loro possessioni di terraferma sarebbero state confiscate o distrutte se non avessero accantonato l’orgoglio e votato per l’estinzione della Serenissima. Il 12 maggio le truppe francesi sfilarono in piazza S. Marco: per la prima volta nella storia di Venezia truppe straniere mettevano piede in città. 2 E le ville? Molte vennero confiscate comunque, divenendo caserme e ospedali militari, altre vennero abbandonate dagli stessi proprietari per traferirsi in città. Fu però durante il corso del Novecento che il destino di questi splendidi esempi di architettura sembrava segnato: durante le due guerre mondiali le case servirono da rifugi per gli sfollati dalle città bombardate, come ricoveri per coloro che non avevano più una casa e persino magazzini per opere d’arte 3 . Occorre qui ricordare la storia di un uomo, Pietro Gazzola, direttore del neonato Museo di Castelvecchio. Durante la Seconda Guerra Mondiale Verona era una città fondamentale dal punto di vista strategico: vi si trovavano infatti moltissimi ministeri della Repubblica di Salò, motivo per il quale fu vittima di numerosi bombardamenti. Gazzola, preoccupato per la collezione del museo, trasferì ciò che poteva nella sua abitazione di campagna: l’ottocentesca villa Rizzardi di Pojega di Negrar. 4 Il suo fu un atto di generosità encomiabile, ma soprattutto lungimirante: nel gennaio 1945 infatti, Castelvecchio fu pesantemente danneggiato da un bombardamento degli Alleati. Lo stesso Gazzola, eminente architetto, si occuperà del restauro filologico 1 Associazione “Ville Venete”, presentazione del sito villevenetetour.it. 2 Frederic C. Lane, Storia di Venezia, Torino 1973. 3 Associazione “Ville Venete”, presentazione del sito villevenetetour.it. 4 Ufficio Stampa Guerrieri Rizzardi Villa Rizzardi apre ad eventi e occasioni speciali, comunicato emanato nel maggio 2015.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

veneto
verona
laurea
tesi
villa
curti
negrar
rizzardi
tomenighe
rovereti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi