Skip to content

L'Italia, terra di migrazione: dalle emigrazioni del Novecento alle migrazioni di costa del presente. L'esempio del Centro di Prima Accoglienza ''Cpa Maratona'' di Cibali a Catania

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Matarazzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Stefania Montebelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il lavoro ha come obiettivo quello di illustrare e quindi paragonare i tre grandi movimenti migratori che hanno coinvolto gli italiani. A partire dal grande esodo verso le Americhe e l'Australia iniziato al tramonto del XVIII secolo, passando per la migrazione interna che tra gli anni '50 e '60 del Novecento coinvolse moltissimi meridionali che si spostarono nel Nord dell'Italia, fino agli attuali movimenti migratori che si riversano sulle coste della penisola, coinvolgono individui dell'Africa, e del Terzo Mondo in generale.

Il presente lavoro prende spunto dalla consapevolezza di come il momento storico attuale possa essere ricercato e ritrovato nel passato, dove potrebbe essere possibile trovare anche la chiave per comprendere e affrontare certe dinamiche: sia a livello politico che a livello sociale.
Che sia per la povertà, la fame, la miseria, le difficili condizioni abitative o la mancanza di lavoro, la mobilità dell'uomo ha caratterizzato la storia dell'Italia fin dalla sua unificazione coinvolgendo giovani e giovanissimi, uomini, donne e, a volte, intere famiglie. Ma oltre a individuare le cause che accomunano questi tre flussi migratori, è interessante notare come altre caratteristiche più profonde e spesso nascoste leghino le migrazioni: dai centri di aggregazione nei luoghi di arrivo, le Little Italies in America così come il quartiere Le Vallette a Torino, nei quali i migranti erano confinati, ai sentimenti di insofferenza e rifiuto che muovono le popolazioni d'accoglienza e che il più delle volte conducono a una mancata integrazione e ad azioni estreme.

Un'attenzione particolare è stata poi destinata ai minori stranieri non accompagnati – MSNA, che oggi più che mai sono i protagonisti delle tratte. Attraverso l'esperienza personale e l'excursus delle leggi che in Italia regolano l'immigrazione, ho cercato di illustrare le modalità di accoglienza nonché le molteplici iniziative che le Organizzazioni internazionali propongono affinché i minori possano iniziare un percorso di integrazione che renda loro più semplice l'ottenimento dei documenti necessari per la permanenza in Italia.

Ciò che si conclude da questo lavoro, quindi, è che la storia si ripete ciclicamente, coinvolgendo gli stessi individui spesso capovolgendone le sorti. L'italiano rifiutato e pericoloso in America, il meridionale definito terrone nelle città del triangolo industriale e l'africano che mette a rischio la nazionalità italiana sono tutti preconcetti che impediscono uno sguardo d'insieme sul fenomeno. Una lungimiranza che spesso è mancata agli organismi politici e che, tuttavia, non ha impedito la grande crescita americana agli inizi del XIX secolo, lo sviluppo industriale e il boom economico dell'Italia degli anni '60 e l'importante ringiovanimento che sta coinvolgendo la popolazione italiana negli ultimi anni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La storia d’Italia, dalla sua unità ad oggi, è strettamente legata a quella delle migrazioni. Dal 1861, infatti, la storia della penisola potrebbe seguire una macro periodizzazione divisa in tre momenti differenti, ma accomunati da un unico, grande fenomeno: la migrazione. Una prima fase, che inizia nel 1880 circa, che ha visto crescere di anno in anno la quantità di italiani espatriati in particolar modo verso le Americhe e l’Australia e che si chiude all’alba del primo conflitto mondiale con lo scoppio del quale molti emigrati mossi da spirito patriottico decisero di fare il percorso inverso e di ritornare in Italia 1 . Una seconda fase, coincidente con gli anni centrali del XX secolo, caratterizzata da movimenti migratori interni alla penisola, in particolare da Sud verso Nord. Infine, una terza ed ultima fase, iniziata negli anni Novanta del secolo scorso e ancora in evoluzione, che vede protagonista soprattutto il popolo africano intento a spostarsi verso l’Europa. Ognuna di queste tre fasi ha chiaramente avuto dei fattori scatenanti e delle conseguenze sia sui territori di partenza come su quelli di arrivo. La modernizzazione a cui, ad esempio, andò in contro il mondo occidentale durante il passaggio tra Ottocento e Novecento trovò fondamentalmente impreparata la neonata Italia: unificata formalmente, ma ancora divisa da ritmi di vita differenti tra un Nord avviato verso l’industrializzazione e un Sud ancora vittima del sistema dei 1 DEPRETIS F., Prima Guerra Mondiale, gli emigrati italiani che tornavano per combattere, “Il Primato Nazionale. Quotidiano sovranista”, 7 Maggio 2015, https://www.ilprimatonazionale.it/cultura/prima-guerra- mondiale-gli-emigrati-italiani-che-tornavano-per-combattere-22903/

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
immigrazione
emigrazione
ong
catania
salvini
centri di accoglienza
minori stranieri non accompagnati
msna
popolazione straniera

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi