Skip to content

Sovrappopolazione e collasso ambientale

Informazioni tesi

  Autore: Matilde Parietti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Francesco Dini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

L’obiettivo di questa tesi è analizzare il problema demografico e le implicazioni che ne derivano: il tema centrale della riflessione riguarda il rapporto tra l’impatto della specie umana rispetto alla capacità di carico del nostro pianeta, in inglese la carrying capacity, che può essere definita come il massimo limite di crescita di una popolazione che una base fissa di risorse è in grado di sopportare. Le domande che ne scaturiscono sono di difficile risposta, ma di vitale importanza: quanti esseri umani possono vivere sulla Terra? Per quanto tempo? A quale livello di vita? Usando quali tecnologie? Sotto quale tipo di organizzazione politica ed economica? Ci saranno cibo e acqua per tutti?
Saranno autorizzati i governi ad imporre, anche poco democraticamente, certe politiche demografiche per contenere l’esplosione? Come si fa a fermarla nel modo più democratico possibile? Perché il mondo industrializzato e parte di quello in via di sviluppo sono entrati in una fase di stallo demografico, in alcuni casi addirittura in calo, mentre il mondo poverissimo ancora no? Da cosa dipendono le transizioni demografiche? Hanno qualcosa a che fare con il ruolo della donna nella società o della Chiesa nel mondo?
L’importanza di domande simili non può essere sminuita in un periodo in cui vi è oramai la consapevolezza di aver sconvolto gli equilibri biologici della nostra Terra, tanto da non avere la certezza del loro funzionamento futuro. In realtà, ancora oggi, quarant’anni dopo i primi avvertimenti della comunità scientifica, l’attenzione che la tematica meriterebbe da parte dei politici, dei governi e dell’opinione pubblica non è abbastanza diffusa.
Oggi la popolazione conta 7.4 miliardi. Il 60% della popolazione mondiale vive in Asia (4,4 miliardi), il 16% per cento in Africa (1,2 miliardi), il 10% in Europa (738 milioni), il 9% in America Latina e nei Caraibi (634 milioni), e il restante 5% in Nord America (362 milioni) e Oceania (39 milioni). Cina e India rimangono i due più grandi paesi del mondo, più del 30% della popolazione mondiale. Più della metà del globo è antropizzato, la maggior parte delle terre emerse è coltivato, pavimentato o coperto da città, usato per gli allevamenti animali, industrializzato. Quasi tutto il restante si trova nelle regioni artiche, antartiche, desertiche, oppure è troppo montagnoso o ostile per essere sfruttato dall’uomo.
Ci sono i ricchi, ingordi di energia, di cibo, di acqua, di spazio e ci sono i poveri, i poverissimi: viviamo in un mondo in cui l’1% più ricco dell’umanità possiede più del restante 99%.
L’esplosione demografica che sta investendo il pianeta non fa altro che alimentare questo trend spaventoso, poiché ha conseguenze dirette sulla capacità di carico dell’ambiente che a sua volta ha conseguenze dirette sulla disponibilità di risorse, fra cui il cibo e l’acqua, sempre meno reperibili in certe circostanze del mondo povero, e invece dati per scontato laddove abbondano, tanto da essere sprecati, inquinati, usati per altri fini che non siano nutrire le persone.
Il rapporto Limit to Growth del 1972, commissionato al Massachusetts Institute of Technology dal Club di Roma, in estrema sintesi diceva proprio questo: se il tasso di crescita della popolazione, dell’industrializzazione, dell’inquinamento e dello sfruttamento delle risorse sarebbe continuano a crescere o a rimanere inalterato, i limiti dello sviluppo sul pianeta sarebbero stati raggiunti in un momento imprecisato entro i prossimi cento anni. Il risultato più probabile sarebbe stato un declino improvviso ed incontrollabile della popolazione e un collasso ambientale. Se nel 1972 poteva essere considerato un avvertimento da non prendere in considerazione perché “lontano dalle vere preoccupazioni quotidiane”, oggi non può più essere sottovalutato.
Con questa tesi cercheremo di spiegare perché.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Intr oduz ione L ’obie ttivo di que sta te si è a na liz z a re il proble ma de mogra fic o e le implic a z ioni c he ne de riva no: il te ma c e ntra le de lla rifle ssione rigua rda il ra pporto tra l’impa tto de lla spe c ie uma na rispe tto a lla c a pa c ità di c a ric o de l nostro pia ne ta , in ingle se la c arry ing c apac ity , c he può e sse re de finita c ome il ma ssimo limite di c re sc ita di una popola z ione c he una ba se fissa di risorse è in gra do di sopporta re . L e doma nde c he ne sc a turisc ono sono di diffic ile risposta , ma di vita le importa nz a : qua nti e sse ri uma ni possono vive re sulla T e rra ? Pe r qua nto te mpo? A qua le live llo di vita ? Usa ndo qua li te c nologie ? Sotto qua le tipo di orga niz z a z ione politic a e d e c onomic a ? C i sa ra nno c ibo e a c qua pe r tutti? Sa ra nno a utoriz z a ti i gove rni a d imporre , a nc he poc o de moc ra tic a me nte , c e rte politic he de mogra fic he pe r c onte ne re l’e splosione ? C ome si fa a fe rma rla ne l modo più de moc ra tic o possibile ? Pe rc hé il mondo industria liz z a to e pa rte di que llo in via di sviluppo sono e ntra ti in una fa se di sta llo de mogra fic o, in a lc uni c a si a ddirittura in c a lo, me ntre il mondo pove rissimo a nc ora no? Da c osa dipe ndono le tra nsiz ioni de mogra fic he ? Ha nno qua lc osa a c he fa re c on il ruolo de lla donna ne lla soc ie tà o de lla C hie sa ne l mondo? L ’importa nz a di doma nde simili non può e sse re sminuita in un pe riodo in c ui vi è ora ma i la c onsa pe vole z z a di a ve r sc onvolto gli e quilibri biologic i de lla nostra T e rra , ta nto da non a ve re la c e rte z z a de l loro funz iona me nto futuro. In re a ltà , a nc ora oggi, qua ra nt’a nni dopo i primi a vve rtime nti de lla c omunità sc ie ntific a , l’a tte nz ione c he la te ma tic a me rite re bbe da pa rte de i politic i, de i gove rni e de ll’opinione pubblic a non è a bba sta nz a diffusa . Oggi la popola z ione c onta 7.4 milia rdi. Il 60% de lla popola z ione mondia le vive in Asia (4,4 milia rdi), il 16% pe r c e nto in Afric a (1,2 milia rdi), il 10% in E uropa (738

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
crisi
ecologia
demografia
clima
risorse
allarme
pianeta
sovrappopolazione
bomba demografica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi