Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il partito come organizzazione: il caso di Alleanza Nazionale a Milano

Studio delle caratteristiche organizzative di Alleanza Nazionale a Milano. Gli eletti, la struttura intermedia, le unità di base. Contiene dati elettorali locali e nazionali negli ultimi vent'anni.
L'evoluzione di partito: quali sono le linee di tendenza?
Ricerca basata su interviste ai membri del partito.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO I PARTITI POLITICI 1.1 Il partito politico moderno In ogni società umana, in qualsivoglia periodo storico e luogo geografico, vi è sempre stata una divisione tra una minoranza dominante e una maggioranza dominata, prodotta da specifici rapporti di potere. La democrazia è il metodo principale con il quale, negli stati occidentali durante gli ultimi due secoli, tali rapporti sono stati regolati e strutturati. Possiamo affermare che “in mezzo” a dominanti e dominati sta il metodo democratico, inteso semplicemente, seguendo la definizione di Schumpeter, come <<lo strumento istituzionale per giungere a decisioni politiche, in base al quale singoli individui ottengono il potere di decidere attraverso una competizione che ha per oggetto il voto popolare 1 >>. Nella realtà storica, i “singoli individui” hanno affrontato la competizione posta in essere dall’avvento dei regimi democratici, facendo causa comune, associandosi in diverse forme e modalità; hanno cioè dato vita ai partiti politici moderni. Il partito politico, in linea di principio, è un’associazione volontaria liberamente creata e mirante ad un reclutamento libero, il cui agire <<è rivolto alla “potenza” sociale, cioè a influenzare un agire di comunità di qualsiasi contenuto. Perciò i partiti sono possibili soltanto nell’ambito di comunità che siano a loro volta in qualche modo associate, e cioè posseggano qualche ordinamento razionale e un apparato di persone che si tengono pronte per la sua attuazione 2 >>. 1 J. A. Schumpeter, Capitalismo, socialismo e democrazia, 2 M. Weber, Economia e società, vol. IV, Edizioni di Comunità, Milano, 1995, pag. 41

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paolo Baruta Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1199 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.