Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le banche italiane nel nuovo contesto della società dell'informazione. Il caso E-Family BNL

L'obiettivo principale del presente lavoro è mettere in luce come l'impetuosa evoluzione tecnologica delle telecomunicazioni, avvenuta negli ultimi anni, ed in particolare le possibilità offerte da Internet, siano destinate a mutare radicalmente il tradizionale scenario economico e giuridico in cui opera l'impresa banca.
Al tema dello sviluppo del fenomeno Internet, e di quello che può essere genericamente definito come e-business, è dedicato il Capitolo I. In tale ambito si è cercato di fotografare l'evoluzione del Mercato, sulla spinta del web, e raffrontare la situazione italiana a quella europea, analizzandone limiti e opportunità. Il capitolo è propedeutico alla comprensione dell'intero lavoro. Lo scopo è quello di evidenziare come la Rete stia divenendo uno strumento utile per il navigatore italiano e come, di pari passo, si stia ampliando la gamma di attività svolte on line.

Il Capitolo II contiene una breve analisi del cammino europeo verso una ''Società dell'Informazione, nuova importante prospettiva dell'Unione. Vengono approfonditi i temi maggiormente inerenti all'offerta di prodotti e servizi sul canale telematico. I problemi relativi alla registrazione di nomi di dominio, all'uso della firma digitale e della moneta elettronica, alla conclusione on line di contratti, sono affrontati nell'ottica del Legislatore nazionale e comunitario, cercando di mettere in luce eventuali discordanze.
Di pari passo si è tentato di mostrare l'inadeguatezza non solo delle attuali regole, ma anche dell'approccio nazionale ad un fenomeno che per la sua stessa natura, per il suo essere globale, sfugge ad una normativa meramente locale.

Nel Capitolo III vengono presi in esame l'ingresso del settore bancario italiano nell'e-business e la reazione degli istituti di credito al mutamento del loro rapporto con la clientela. L'Internet Banking è, al tempo stesso, un nuovo veicolo di contatto con i clienti, ma anche una necessità per tutte quelle banche che non vogliono rimanere spiazzate dalla concorrenza degli operatori più aggressivi e dei nuovi intermediari. Scopo del capitolo è indicare i diversi modelli di comportamento che possono essere adottati e quello che risulta consigliabile alla luce dei vincoli normativi e dell'attuale stadio di evoluzione del navigatore italiano.

Il IV Capitolo, invece, è dedicato all'analisi dell'offerta Internet del Gruppo Bnl, quale esempio di impresa che ha deciso di sfruttare il web come opportunità per ridisegnare il proprio modello di business. Nel nuovo contesto della Società dell'Informazione, infatti, le banche possono svolgere una funzione ulteriore rispetto a quella tradizionale di finanziatori, possono, cioè, ampliare le proprie competenze fino a svolgere un ruolo attivo nell'ambito dell'e-commerce.
Il portale e-family di BNL viene preso ad esempio sia per la qualità dell'offerta, sia per l'originalità dei servizi proposti, ma, soprattutto, perché il suo lento decollo ben rappresenta le difficoltà di un settore che si vede costretto a correggere le proprie rosee prospettive di espansione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Internet realizza il "villaggio globale" L'avvento delle nuove tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni (ICT) 1 , insieme all'evoluzione verso un Mercato sempre più integrato, hanno determinato un importante cambiamento delle relazioni economiche. Ad un quadro abbastanza chiaro e strutturato, che ha caratterizzato l'economia fino agli anni ottanta, ora se ne sovrappone uno in cui l'aspetto principale è l'incertezza e la difficoltà di fare previsioni sugli sviluppi tecnologici. La globalizzazione dei Mercati e la rapida diffusione delle nuove tecnologie legate all'informatica e alle ICT stanno incidendo in modo sostanziale sul funzionamento dei sistemi economici di tutti i Paesi, rivoluzionando la produzione, la gestione delle risorse tecniche e di quelle finanziare, oltre che di quelle umane. L'avvento di Internet ha avviato una vera rivoluzione, poiché la "ragnatela globale" mette potenzialmente in contatto tutti gli individui e tutti i soggetti del mondo. Centinaia di milioni di persone, imprese, organizzazioni sono già collegate tra loro in tempo reale e tutte partecipano al grande scambio planetario di informazioni, messaggi, merci, servizi, denaro, software, musica, cinema, esperienze e via dicendo. Giorno dopo giorno l'attività umana si sposta un poco di più sul Web; velocemente per ciò che riguarda le attività economiche, in maniera più ragionata per quanto riguarda il vivere quotidiano di ognuno. Il cambiamento imposto da Internet è già straordinario nella vita di milioni di persone, soprattutto giovani, e lo diventerà sempre di più con il passare del tempo e con il crescere delle nuove generazioni. Ancora più straordinario è il processo di innovazione imposto al mondo delle imprese e degli affari, con la nascita di centinaia di nuove società dedicate interamente al Web 2 e con l'appropriazione, sempre più rapida, del nuovo mezzo da parte dell'economia tradizionale. 1 Per ICT (Information and Comunication Technology) si intende quel corpo di conoscenze tecniche che sono alla base della realizzazione della società dell'informazione. Nasce dalla convergenza tra informatica e telecomunicazioni, cioè tra i due settori che, fino a tempi relativamente recenti, si sono sviluppati in modo indipendente e che già attualmente, e in maniera crescente nel futuro, sono destinati a concorrere per finalità comuni. Il trasporto e l'elaborazione delle informazioni tenderanno, infatti, ad assumere ruoli complementari ed inscindibili. Cfr. BNL (Direzione comunicazioni - Servizio Studi), "New Economy: Primi Numeri e Parole", Maggio 2000, pag. 21 2 Si parla ad esempio di Internet Company per indicare un modello di impresa basato sulla continua crescita dell'utilizzo di Internet; il capitale fisico è ridotto al minimo e la filosofia aziendale è incentrata sull'uso della Rete. In realtà esistono solo pochissime aziende, tra quelle definite "Internet Specific Company", che rispondono a questi requisiti. Le Internet Company vengono solitamente contrapposte alle "Brick and Mortar": imprese tradizionali che non hanno ancora messo la loro produzione on-line.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Panimolle Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2853 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.