Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'utilizzo delle regole come strumento per la conduzione della politica monetaria

Taylor rule, regole di politica monetaria, outputgap, filtro hp, modelli forward-looking e backward-looking, svensson, inflation targeting, l'aggiustamento del tasso di interesse da parte della banca centrale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questo lavoro intende occuparsi di alcuni aspetti della politica monetaria, ed in particolare, focalizza la sua attenzione sull�utilizzo delle regole nella conduzione della politica monetaria; un argomento di grande attualit� nel contesto economico a livello mondiale. Nella seguente trattazione non ci si soffermer� sul dibattito classico discrezionalit� vs regole di politica monetaria poich�; nell�ambito accademico, sono ormai ampiamente riconosciuti i maggiori vantaggi delle regole rispetto ad una politica monetaria caratterizzata dalla discrezionalit� degli interventi. Una precisa distinzione tra regole e discrezione si pu� ricavare da due dei maggiori contributi della letteratura. Infatti, nei lavori di Kidland e Prescott (1977) e di Blanchard e Fisher (1989) ci si riferisce alle regole di politica monetaria, rispettivamente, come la �optimal� o la �precommitted� soluzione ad un problema di ottimizzazione dinamica. La discrezionalit�, invece, � identificata rispettivamente come la soluzione �inconsistent� o �shortsighted� (miope). Essi sostengono che il vantaggio delle regole rispetto alla discrezionalit� � come il vantaggio di una soluzione cooperativa rispetto ad una soluzione non cooperativa nella teoria dei giochi. Nel libro �Inflazione, disoccupazione e politica monetaria�, il professor John Taylor ha descritto alcune importanti caratteristiche che una regola di politica dovrebbe possedere, e i suoi vantaggi rispetto ad un contesto puramente discrezionale. Egli sostiene che esistono diverse ragioni per cui la politica monetaria debba essere condotta e valutata come una regola politica. Innanzitutto la credibilit� delle autorit� monetarie sembra migliorare; tener fede ad una regola politica aumenta

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angelo Gentile Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2098 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.