Skip to content

Le Sicav: tecniche di composizione del portafoglio investimenti

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Calabretta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Luigi Panzone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 351

Le società di investimento a capitale variabile sono state recepite dall’ordinamento italiano soltanto nei primi anni ’90, mentre in Francia e in Lussemburgo la loro introduzione risale a oltre venti anni prima.
Le prime SICAV proposte in Italia erano di diritto lussemburghese, favorite dalla locale normativa fiscale meno stringente. Simili ai fondi comuni di investimento, dai quali differiscono tuttavia per la natura societaria ad esse peculiare, le SICAV conferiscono ai risparmiatori lo status di azionista.
La caratteristica di continua variabilità del capitale sociale che coincide con il patrimonio netto fanno della SICAV una società per azioni del tutto particolare, la cui disciplina deroga inevitabilmente dalla normativa relativa alle S.p.A. ordinarie.
Trattandosi di intermediari finanziari cui i risparmiatori affidano risorse, sottraendole a decisioni di consumo immediate per finanziare maggiori consumi prospettici, riveste un’importanza fondamentale la gestione del pubblico risparmio che deve portare ad una performance che ottimizzi il trade off rischio rendimento.
Lo studio dei criteri alla base delle decisioni di asset allocation, dunque di composizione del portafoglio investimenti delle SICAV, non può prescindere dall’esposizione delle principali teorie di portafoglio formulate da numerosi studiosi del XX° secolo. Definite le gestioni attive e passive si possono esaminare in maniera più approfondita i parametri valutati dai gestori nella scelta di azioni e obbligazioni, senza dimenticare l’analisi tecnica e gli strumenti di copertura del rischio, per una minore volatilità della performance a tutela dei risparmiatori.
A quasi dieci anni dalla nascita le SICAV di diritto italiano sono tuttora molto poche, anche se il mercato ha avuto una forte crescita durante il rialzo dei mercati a cavallo tra il 1999 e il 2000, grazie soprattutto alle performance molto significative offerte da alcune SICAV di diritto straniero, veri punti di riferimento in un mercato ancora in fase embrionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.2 IL RISPARMIO GESTITO “La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme”: così recita l’articolo 47 della Costituzione della Repubblica Italiana. In questa ottica appare evidente la fondamentale importanza del risparmio gestito come veicolo di diffusione del benessere. In Italia il fenomeno del risparmio gestito ha maggiori potenzialità di crescita che negli altri paesi, perché l’Italia è da sempre tra i paesi a maggiore propensione al risparmio e per di più si trova in ritardo rispetto agli altri paesi industrializzati per quanto riguarda la gestione professionale del pubblico risparmio. Il fenomeno del risparmio gestito, nato con l’introduzione dei fondi comuni di investimento aperti nel 1983, non ha mai smesso di crescere, accompagnato da innovazioni finanziarie e normative volte a tutelare al massimo i singoli risparmiatori, in linea con il dettato costituzionale. Nel 1992 l’introduzione delle SICAV risponde a questo bisogno crescente di espansione del risparmio gestito. Questa nuova realtà ha conosciuto un forte sviluppo negli ultimi due decenni non solo in Italia ma in tutto il mondo occidentale. I motivi alla base di questo fenomeno sono sostanzialmente tre: • il costante invecchiamento della popolazione, fenomeno tipico delle economie post industriali, ha causato una crescente concentrazione di risparmio nelle mani dei Fondi Pensione, dei Fondi Comuni d’Investimento e delle Assicurazioni dovuta al movente precauzionale, ai vantaggi fiscali e al miglior rapporto in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi tecnica
sicav
fondi di investimento
intermediari finanziari
gestione del risparmio
asset allocation
economia degli intermediari finanziari
società di gestione del risparmio
composizione del portafoglio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi