Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La raccolta delle deleghe di voto nella legge Draghi

Deleghe di voto

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE L’argomento oggetto del presente studio è la rappresentanza del socio nelle assemblee delle società quotate, con particolare riferimento alla disciplina della Raccolta delle deleghe introdotta nel nostro ordinamento dal Testo Unico delle disposizioni in materia di mercati finanziari (d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58). Il panorama sociale che caratterizza la nostra epoca necessitava di una disciplina organica che potesse favorire la partecipazione alle assemblee, ma allo stesso tempo la tutela degli azionisti di minoranza. Dopo le grandi privatizzazioni degli ’90, il contesto socio-economico italiano si è caratterizzato per la presenza di molte società con capitale particolarmente frazionato tra una miriade di piccoli risparmiatori. E’ ovvio che tali soggetti, nella maggior parte dei casi si sono avvicinati al mercato mobiliare nella veste di curiosi investitori desiderosi di incrementare il valore degli investimenti effettuati. Conseguentemente, non è pensabile che un piccolo azionista possa interessarsi alla gestione sociale partecipando personalmente alle assemblee. La disciplina prevista dall’art. 2372 c.c. non consentiva di superare tale problema in quanto caratterizzata da una serie di divieti e

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Annunziata Todero Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2030 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.