Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi di analisi per il linguaggio naturale

Grammatiche formali per il linguaggio naturale, gerarchie di linguaggi, automi e grammatiche espresse in vari formalismi tra cui Prolog e definite clause grammar. Generalized Phrase Structure Grammar e Trasformational Grammar.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1 Funzioni ricorsive 1.1 Introduzione di alcune nozioni di base Def.1: una funzione f da A a B (dove A e B sono insiemi) è un sottoinsieme di A× B (il prodotto cartesiano di A e B, ovvero l’insieme delle coppie ordinate, <a, b>, tali che a∈ A e b∈ B) tale che ad elementi di A corrisponde uno ed un solo elemento di B, f(a)=b. Scriveremo f(a)=b, dove a∈ A e b∈ B, per indicare che b è il valore assunto da f per a quale argomento. Una tale funzione f applica A in B, scriveremo in tal caso f : A!B. Una funzione è un assegnamento di valori ad argomenti. L’insieme di tutti gli argomenti cui la funzione assegna un valore è chiamato dominio della funzione. L’insieme di tutti quei valori che la funzione assegna ai suoi argomenti è chiamato codominio (range) della funzione. Una funzione f ⊆ A× B, definisce un insieme { <x, y>| f(x)=y} . Def. 2: Se f è tale che f(a)=b per ogni b∈ B, diciamo che la funzione è suriettiva. Def. 3: Se f è tale che per ogni a, a’∈ A, f(a)=b e f(a’)=b, allora a = a’, diremo che la funzione è iniettiva, ovvero fa corrispondere ad elementi distinti di A, elementi distinti di B. Def. 4: Una funzione che sia iniettiva e suriettiva insieme si dice biettiva, e stabilisce una corrispondenza ad uno ad uno tra A e B. Se f è una funzione biettiva, sarà sempre possibile trovare l’applicazione inversa f - 1 da B ad A. Se f : A!B è un’applicazione biettiva, si dice che c’è una corrispondenza biunivoca tra A e B. Def. 5: Due insiemi in corrispondenza biunivoca si dicono equipotenti, cioè hanno la stessa cardinalità (ovvero lo stesso numero di elementi). Se A e B sono insiemi finiti e A⊂ B, non si potrà mai stabilire una corrispondenza biunivoca tra gli elementi di A e quelli di B. Def. 6: Un insieme è infinito sse può essere messo in corrispondenza biunivoca con un suo sottoinsieme proprio. Ad esempio l’insieme dei quadrati è un sottoinsieme dei numeri naturali eppure esso è definito dalla biezione, in N× N, f(x) = x 2 .

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Matteo Capelletti Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2269 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.