Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il matrimonio nel diritto ebraico

Questa tesi tratta delle problematiche inerenti il matrimonio ed il divorzio nel diritto ebraico su due piani: un primo rivolto a chiunque sia desideroso d’informazioni puntuali e rigorose sull’argomento in lingua italiana, senza avere la necessità e/o la capacità di un approfondimento nella lingua madre (aramaico – ebraico), un secondo piano, quello delle note al testo, che vuole essere rivolto agli addetti ai lavori, comprendente anche tutti i rimandi ai Testi Sacri, riveduti e corretti da rav Richetti della Sinagoga di Milano, materiale utilissimo a chi volesse appunto approfondire l’argomento sul piano tecnico-giuridico.
In questa maniera ne è scaturito un lavoro che è al contempo divulgativo e tecnico così da facilitare al massimo il lavoro di coloro che volessero intraprendere lo studio, anche comparativo, di questa affascinante materia.
Per i motivi sopra esposti tornerà molto utile la consultazione del glossario e della bibliografia.

D.F.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Quando si parla di diritto ebraico (Mishpat 'ivri') si intende comprendere tutta l’evoluzione che, senza mutarne la sostanza, ha portato nei secoli, dall'epoca biblica fino ai giorni nostri, il diritto del popolo ebraico. Non si tratta di un diritto astratto, ma di un continuo studio legato alle necessità di tutti i giorni, continuato in ogni periodo storico e particolarmente durante la diaspora. Il significato del termine "Mishpat" ha, infatti, varie accezioni tra le quali, accanto alla sua primaria (diritto), la più interessante ed aderente alla realtà sembra essere l’accezione fatto od atto legale e quindi anche decisione. La letteratura rabbinica si divide tra "Aggada" (insegnamenti di carattere religioso) e "Halachà" (precetti di carattere giuridico);essa, come si può evincere dalla sua radice semantica che significa "andare", si propone di indirizzare l'uomo nei suoi comportamenti di tutti i giorni. 1 Bisogna, però, ricordare che il sistema giuridico ebraico 1 Cfr. Lv. 26, 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Dino Fabbrini Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5922 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.