Skip to content

Il fascino delle rovine nella letteratura latina

Informazioni tesi

  Autore: Elvio Pasca
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Michele Coccia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

Il confronto fra uomo e rovina, intesa come traccia materiale di qualcosa che è passato, e quindi come occasione per una riflessione che si slega dalla contingenza del momento e della materialità presente, rappresenta un tema di lunga durata nella letteratura.
Nelle pagine che seguono cercheremo di analizzare gli esiti di questa costante nell'ambito della letteratura latina.
Come si avrà modo di osservare essa non ebbe mai, a Roma, uno sviluppo ed una parallela teorizzazione tale da diventare un vero e proprio genere letterario, presentandosi piuttosto sotto forma di ricorrenze sparse in opere il cui motivo principale è di natura diversa.
Questo presupposto ha condizionato profondamente il carattere della nostra ricerca, essa infatti non è dedicata ad un autore o ad un periodo particolare della letteratura latina, cercando invece di dare uno sguardo il più possibile generale al suo sviluppo, almeno a partire dal primo secolo avanti Cristo, che è poi il limite superiore di attestazione del tema nelle testimonianze che abbiamo rintracciato.
Ciò non deve d'altro canto far pensare che l'indagine sia organizzata in senso diacronico: essa, piuttosto, si sviluppa intorno a tre nuclei di riflessione principali, sulla base dei quali abbiamo diviso l'esposizione in tre diversi capitoli.
Senza escludere inevitabili sconfinamenti e contaminazioni fra una sezione e l'altra, nella prima tratteremo le corrispondenze fra la letteratura delle rovine e la filosofia stoica; la seconda sarà invece dedicata all'evoluzione della percezione delle rovine famose dell'epos, ed in particolare di quelle di Troia, molto particolari per la sensibilità di Roma, dal momento che avevano a che fare con la sua origine mitica. Il terzo capitolo, infine, avrà un taglio più storico, essendo dedicato allo spettacolo delle rovine dell'Impero negli anni delle grandi invasioni barbariche e dell'affermazione definitiva del Cristianesimo.
Abbiamo poi pensato di concludere la nostra tesi seguendo il cammino di un topos, quello delle città che muoiono, che supera i limiti della letteratura latina, ricomparendo, più o meno trasformato, nella letteratura delle rovine posteriore, medievale e moderna.
Avendo a che fare con una ricerca tematica, per trattarne esaurientemente alcuni aspetti abbiamo avuto spesso la necessità di considerare anche realtà letterarie diverse da quella latina, ricorrendo così a testimonianze di autori greci o, parlando dei cristiani, alle Sacre Scritture.
Si considerino questi riferimenti degli sconfinamenti, semplici occasioni di confronto, e non tentativi di allargare la nostra indagine ad ambiti che non le competono.
Non esistono veri e propri studi specifici sul rovinismo antico, il tema è però ampiamente trattato in un libro di Francesco Orlando a cui faremo spessissimo riferimento nel corso della nostra esposizione. Dedicato a tutti gli oggetti desueti della letteratura, esso ha il pregio di rappresentare un utilissimo repertorio per le attestazioni delle immagini di rovine da Omero ai giorni nostri, permettendo di valutarne gli sviluppi e di confrontare fra loro le diverse fasi che ha attraversato il tema.
Ci siamo poi basati su articoli dedicati ai passi che abbiamo raccolto, o, il più delle volte, sui commenti dedicati alle opere dai quali questi passi provenivano, cercando spunti per le riflessioni che tenteremo di organizzare nelle pagine che seguono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Il confronto fra uomo e rovina, intesa come traccia materiale di qualcosa che è passato, e quindi come occasione per una riflessione che si slega dalla contingenza del momento e della materialità presente, rappresenta un tema di lunga durata nella letteratura. Nelle pagine che seguono cercheremo di analizzare gli esiti di questa costante nell’ ambito della letteratura latina. Come si avrà modo di osservare essa non ebbe mai, a Roma, uno sviluppo ed una parallela teorizzazione tale da diventare un vero e proprio genere letterario, presentandosi piuttosto sotto forma di ricorrenze sparse in opere il cui motivo principale è di natura diversa. Questo presupposto ha condizionato profondamente il carattere della nostra ricerca, essa infatti non è dedicata ad un autore o ad un periodo particolare della letteratura latina, cercando invece di dare uno sguardo il più possibile generale al suo sviluppo, almeno a partire dal primo secolo avanti Cristo, che è poi il limite superiore di attestazione del tema nelle testimonianze che abbiamo rintracciato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura latina
rovine
rovinismo
stoicismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi