Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Generi narrativi e lessico psicologico in età prescolare e scolare

Il mio studio affronta due aspetti dell'evolversi delle abilità narrative: le caratteristiche e lo sviluppo dei vari tipi di narrazione e l'evoluzione della capacità di riferirsi a sé e agli altri nei bambini di età prescolare e scolare, una dimensione psicologica - la comprensione delle persone - che si costruisce nell'infanzia e che lascia una traccia profonda sullo sviluppo successivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione All’interno della letteratura psicologica che ha studiato gli aspetti della narrazione, ho ritenuto opportuno approfondire lo studio di alcuni generi narrativi che coinvolgono i bambini in età prescolare e scolare. In particolare, l’ottica del mio lavoro ha ribaltato il modo tradizionale di porsi di fronte al racconto, che, quindi, non è stato analizzato come esperienza narrata dall’adulto, ma affrontando lo studio del racconto prodotto direttamente dal bambino nel ruolo di narratore. I racconti, che sono frutto sia del bisogno di esprimere le proprie esperienze personali, sia di estrinsecare la propria fantasia, sono una componente importante della vita di ogni individuo, e le abilità narrative si sviluppano anche in età precoce. Per spiegare questo basta pensare a quante storie gli adulti ci hanno raccontato, quando eravamo piccoli, e a quante ne abbiamo lette attraverso i libri illustrati da figure, che hanno la funzione di sviluppare la nostra immaginazione. I racconti rappresentano vere e proprie “rappresentazioni” della vita, sia che descrivano fatti vissuti personalmente, a partire

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Silvia Cantelli Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6805 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.