Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La resistenza palestinese: la fase della lotta armata

la tesi illustra la storia della resistenza palestinese per quel che concerne il periodo compreso dalla fine degli anni cinquanta - quando Yasser Arafat e compagni sviluppano la coscienza politica di ''essere un popolo, un popolo con un'identità ben precisa, quello palestinese appunto'' - fino ai primi anni ottanta del XX secolo, con la catastrofica guerra del libano e l'espulsione dei fedayin da una Beirut posta in stato d'assedio dagli israeliani.
E' una storia amara e fallimentare, che non può fare a meno di confrontarsi col terrorismo - il movimento di ''settembre nero'' sarà eloquente, negli anni settanta - fino a prenderne definitivamente le distanze e abbracciare senza riserve la strada diplomatica: una strada tutt'altro che facile, perché agli inizi del nuovo millennio la questione palestinese è ancora ferma al palo, ancora lontana dal giungere a una significativa svolta.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE: Lo scopo di questa tesi è illustrare la storia della Resistenza Palestinese: l’argomento ha incontrato il mio interesse perché mostra in primo luogo che la Resistenza è nient’altro che una guerra di liberazione popolare combattuta da un popolo con un’identità ben precisa, quello palestinese appunto. In questa guerra di liberazione riveste un ruolo importante la figura di Yasser Arafat che, come illustrato nel I° capitolo, fonda il movimento di al Fatah sul finire degli anni Cinquanta, in Kuwait. Sottolineo che al Fatah si distingue fin da subito per il suo accento di originalità, perché spiccano i suoi proclami ad essere e considerarsi un movimento indipendente e nazionalista: la lotta di liberazione della patria usurpata deve essere combattuta dai palestinesi stessi, non è ammessa l’interferenza degli altri stati della nazione araba. Il II° capitolo cerca di illustrare le reazioni dei leader arabi che, ben consci delle conseguenze politiche difficilmente prevedibili che può provocare la Resistenza, sono determinati a esercitare un controllo il più stretto possibile: nel maggio del 1964 gli stati arabi istituiscono ufficialmente l’OLP, l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, una struttura creata ad hoc per contrastare la linea propugnata da al Fatah. In questi stessi anni al Fatah è oramai in condizioni di lanciare la lotta armata contro Israele: i suoi attacchi non sono in grado di provocare seri danni allo stato sionista, ma riescono comunque nel

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Chiara Rocco Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2984 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.