Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattamento fiscale delle collaborazioni coordinate e continuative

Le collaborazioni coordinate e continuative sono molto diffuse nella prassi, dentro e fuori le aziende, quale strumento alternativo preferito dai datori di lavori per utilizzare le prestazioni dei collaboratori senza assumerli alle loro dipendenze.
Notevoli sono anche i casi in cui il lavoratore pensionato di anzianità ha continuato il precedente rapporto di lavoro, questa volta come collaboratore, al solo fine di sottrarsi alle norme in materia di cumulo della pensione con la retribuzione.
Oggi però le cose sono sicuramente cambiate soprattutto da quando si è preso coscienza delle insufficienti tutele poste a favore dei collaboratori i quali a differenza dei lavoratori dipendenti non erano adeguatamente tutelati né da una normativa civile né da una norma contrattuale.
Risale infatti solo al 1998 la stipula del primo contratto collettivo delle collaborazioni coordinate e continuative.
Questo rappresenta il tentativo più ambizioso che ha avuto come obiettivo quello di inquadrare o quantomeno classificare da un punto di vista contrattuale la figura del collaboratore.

Mostra/Nascondi contenuto.
VIII INTRODUZIONE Nel corso degli anni si è potuto rilevare un crescente ricorso al lavoro parasubordinato. Questo fenomeno trova giustificazione principalmente nel regime di flessibilità che questa tipologia contrattuale è in grado di assicurare alle aziende. Le caratteristiche e le modalità di lavoro previste per le collaborazioni coordinate e continuative sembrano infatti situarsi su un confine piuttosto debole a tal punto che il considerare tale prestazione di lavoro dipendente o autonomo può dipendere da una percezione del lavoratore e non da elementi oggettivi valutabili. E’ con la Legge 533/73, (di riforma del processo del lavoro) che l’espressione collaborazione coordinata e continuativa ha trovato riconoscimento laddove estendendo la disciplina processuale anche ai rapporti di collaborazione che si concretino in una prestazione d’opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Distefano Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2054 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.