Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche del valore nelle assicurazioni vita

La tesi è il frutto di più di un anno di lavoro, tra ricerca, stesura e... tempi tecnici di attesa richiesti dal professore. Offre la possibilità di approcciare al panorama delle assicurazioni per tutti coloro che lo ignorano e ne conoscono solamente gli stereotipi (più o meno quanto ne sapeva il sottoscritto prima di approfondire l’argomento!) e, al contempo, entra nello specifico di alcune problematiche peculiari e complesse (rischio di tasso, modelli valutativi, polizza come insieme di opzioni, etc.), rispondendo alle esigenze e curiosità di chi vuole approfondire alcuni argomenti specifici. Essendo stata scritta da un laureando in Finanza la tesi non è nata con l’intenzione di esaurire le tematiche più prettamente statistiche-attuariali dell’argomento (ad eccezione della prima appendice sulle opzioni), piuttosto è stata concepita per avere un taglio finanziario, in linea con il processo di integrazione tra mondo delle Assicurazioni e mondo della Finanza. Per tale motivo è anche presente in appendice un riferimento al tema dei metodi di valutazione d’azienda che può rappresentare un’utile sintesi esaustiva per tutti coloro che hanno necessità di fare chiarezza sulle tematiche tanto care a Luigi Guatri&Co.. Credo che il lavoro da me sudato (Agosto compreso, ahimè) possa darvi una mano ad abbreviare i tempi di ricerca sul tema delle Assicurazioni, delle Valutazioni d’azienda, della Gestione del Rischio etc.; a me personalmente la tesi è servita come trampolino di lancio per il mondo del lavoro (passando per un Master e uno stage alla RAS), spero che porti bene anche a voi che decidete di leggerla.
Più seriamente, e per punti focali, di seguito è sintetizzato il contenuto della tesi:
- i profili finanziari delle assicurazioni: il ruolo di intermediario finanziario delle compagnie di assicurazione;
- il sistema dei rischi di una gestione assicurativa;
- la gestione del rischio di tasso di interesse;
- i modelli di valutazione delle assicurazioni vita: il metodo dei multipli di mercato, il metodo del DCF, il metodo misto patrimoniale-reddituale, il metodo dell'Embedded Value, il metodo della somma di parti (SOP);
- il caso RAS: valutazione e andamento di mercato del titolo;
- appendice 1: embedded options;
- appendice 2: i metodi di valutazione d'azienda.

Mostra/Nascondi contenuto.
LA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE E IL SUO RUOLO DI INTERMEDIARIO FINANZIARIO Gli intermediari finanziari svolgono nei moderni sistemi economi- ci fondamentali funzioni di collegamento tra i settori in avanzo e quelli in disavanzo, favorendo il processo di finanziamento degli investimenti. L intervento degli intermediari finanziari non si limita a trasmette- re risorse finanziarie qualitativamente uguali a quelle ricevute ma con- sta, bens , di un pi importante processo di trasformazione dei fondi, tale da favorire ulteriormente l incontro di domanda e offerta nel mer- cato dei capitali. Negli ultimi decenni, in particolare negli ultimi anni, l assicura- zione vita ha conosciuto, in tutti i paesi, profondi mutamenti tali da permettere di poter parlare, oggi, delle compagnie di assicurazione come di una delle principali figure moderne dell intermediazione finanziaria. Un tempo lo strumento assicurativo, all interno di un contesto eco- nomico caratterizzato da elevata stabilit , si limitava a fornire la garan- zia della conservazione del valore nominale delle somme assicurate e dell attribuzione di un prestabilito tasso tecnico, in linea con i valori di mercato. In particolare, la prospettiva di lungo periodo del risparmio assi- curativo portava le compagnie ad impiegare le risorse in investimenti che si limitavano a presentare caratteristiche speculari in termini di durata e, in genere, un basso livello di rischio; in un mercato finanzia- rio che forniva, ancora, un ristretto ventaglio di strumenti finanziari, le compagnie assicurative concentravano i propri investimenti in immo- bili e titoli a tasso fisso a lunga scadenza. Dal lato del passivo le compagnie di assicurazione si limitavano ad offrire contratti standard in cui la componente previdenziale era deci- 8 Profili finanziari delle Assicurazioni Vita

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Pansolli Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5412 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.