Skip to content

Fattori di rischio e biomarcatori nel carcinoma squamoso delle vie aerodigestive superiori

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Muzza
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Pierluigi Percivale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Il carcinoma squamocellulare del distretto testa-collo (HNSCC) è il sesto tra i più comuni casi di tumore. Anticipare la terapia di tale tumore, attraverso la valutazione del rischio di progressione delle lesioni preneoplastiche, è condizione essenziale per il suo controllo. Leucoplachie e, in misura minore, eritroplachie, sono lesioni relativamente frequenti e le seconde sono quelle a maggior rischio di trasformazione maligna. Il loro rischio di progressione verso la malignità, in parte dipendente dalla concomitante presenza e grado di displasia, è molto variabile (1-20% dei casi). Sfortunatamente a tutt'oggi sono ancora assai limitate le conoscenze sulle alterazioni genetiche associate e sui biomarcatori, che presumibilmente sono responsabili dell'induzione e della progressione maligna di tali neoplasie. Si compie quindi un grosso sforzo clinico per seguire tutti i pazienti che si presentano con displasie anche lievi, in mancanza di marcatori idonei. Inoltre risulta necessario individuare caratteristiche biologiche dei tumori maligni quali fattori prognostici in modo tale da procedere a trattamenti differenziati che non si basino esclusivamente sulla valutazione clinica TNM. L'unità diagnostica terapeutica segue più di 200 pazienti per questa patologia. Dopo visita medica i pazienti sono selezionati per entrare nello studio in base alla diagnosi. Nel presente studio ci si propone di utilizzare diversi marcatori biologici potenzialmente informativi sul rischio di progressione di lesioni preneoplastiche, questi includono: make-up genetico (polimorfismi metabolici) e citoistologia (micronuclei). La teoria del cancro come processo a tappe multiple predice che l’insorgenza della neoplasia, sia dovuta ad una serie di modificazioni funzionali, presenti in modo concomitante nella cellula. L'instabilità genomica sembra avere un ruolo preminente nel determinare l'accumulo di mutazioni che sono alla base di tali modificazioni funzionali. I polimorfismi di geni che controllano il metabolismo dei componenti del fumo di sigaretta e dell'alcool, i due principali fattori di rischio per l'HNSCC, potrebbero avere un ruolo rilevante e particolari combinazioni alleliche potrebbero essere fattori genetici predisponenti a questa neoplasia. I micronuclei, forniscono un’informazione integrata sul danno genotossico conseguente all’esposizione ai fattori di rischio ambientali. L'esito infausto della progressione neoplastica è dovuto, tra le altre cose, alla capacità della cellula di eludere la sorveglianza immunitaria. Caratteristica di questo studio, e suo obiettivo principale, è quella di considerare e correlare tra loro i diversi biomarcatori citati. I risultati ottenuti, considerando il contenuto di micronuclei evidenziano, in rapporto a quanto rilevato nel tessuto normale dei soggetti con precancerosi e tumori del distretto cervico-cefalico, un aumento statisticamente significativo nel contenuto di micronuclei nel tessuto precanceroso (Z=3.81, P<0.0001) e canceroso (Z=1.98, P=0.047). E’ interessante sottolineare come un aumento statisticamente significativo di micronuclei, si rileva nella mucosa “cicatriziale” dei soggetti resi NED dopo trattamento, in rapporto a quanto osservato nelle cellule della guancia sana degli stessi soggetti (Z=4.04, P<0.0001). In seguito al confronto tra i contenuti di micronuclei nelle cellule provenienti da scraping sulla guancia sana, effettuato nei casi e nei controlli, si nota nei soggetti con cancro in atto o pregresso un contenuto di micronuclei significativamente più elevato rispetto ai soggetti del gruppo di controllo (Z=1.92, P=0.05 e Z=2.31, P=0.02, rispettivamente). Valutando la presenza di polimorfismi nei geni CYP2A6, CYP2D6, CYP2E1, si osserva un aumento di rischio superiore a 2 di sviluppare precancerosi nel gruppo con polimorfismo nel CYP2D6 (P=0.11). Si vuole in tal modo verificare se, partendo dal soggetto ammalato sia possibile definirne un quadro generale (esposizione a fattori di rischio, make-up genetico ed immunologico, biomarcatori) che aiuti il clinico a dare una valutazione delle alterazioni anatomopatologiche più precisa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il carcinoma spinocellulare della cavità orale costituisce il 3-5% di tutte le neoplasie maligne umane. Poiché una diagnosi precoce si è dimostrata capace di migliorare notevolmente la percentuale di sopravvivenza a 5 anni di pazienti affetti da tale neoplasia si è dedicato notevole impegno, soprattutto in quest'ultimo decennio, ad individuare eventuali modificazioni biologiche, che potessero funzionare come marcatori precoci delle alterazioni ritenute premaligne. I dati morfologici che tradizionalmente vengono utilizzati per riconoscere una lesione premaligna ( rilievo istologico di iperplasia, displasia, indice mitotico e modificazioni nucleo- citoplasmatiche ) si sono dimostrati poco adatti a rivelare con sufficiente precocità la presenza di lesioni premaligne e fornire quelle informazioni attinenti il rischio di trasformazione maligna richieste dai programmi di chemioprevenzione (1). Poiché le lesioni preneoplastiche sono il campo d'azione di numerose strategie terapeutiche tese a bloccare o comunque a rallentare la loro progressione neoplastica, se non, in certi casi a far regredire le alterazioni, la crescente consapevolezza del ruolo dei biomarcatori precoci e dei fattori genetici nel condizionare la suscettibilità allo sviluppo della malattia neoplastica, ha indotto, anche in questo campo, alla ricerca di pattern

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biomarcatori
carcinomi
cavo orale
laringe
otorinolaringoiatria
neoplasie
distretto cervico-cefalico
marker tumorali
carcinoma squamocellulare
tumori della gola
hnscc
tumori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi