Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I rapporti fra Stati Uniti e Giappone durante le amministrazioni Johnson e Nixon

La tesi tratta le relazioni fra Stati Uniti e Giappone durante le amministrazioni Johnson e Nixon (cioè da 1963 al 1974), con particolare accento sulle relazioni economiche, la questione Okinawa, le diverse politiche nei confronti della Repubblica Popolare Cinese, la guerra in Vietnam e i diversi atteggiamenti dei partiti politici giapponesi nei confronti dell'alleanza nippo-americana. Particolare rilievo è dato anche al ruolo assunto in alcune questioni cruciali, come la normalizzazione delle relazioni fra Giappone e Repubblica Popolare Cinese, da Daisaku Ikeda, Presidente dell'associazione buddista Soka Gakkai.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 1. I RAPPORTI ECONOMICI 1.1 Giappone: L'era della crescita ad alta velocità Nel periodo in cui gli Stati Uniti furono guidati dalle Amministrazioni Johnson e Nixon, il Giappone visse un periodo di grande crescita economica. L'era della "crescita ad alta velocità" che fece di questo paese un caso unico a livello mondiale, ebbe inizio nel 1955 e si protrasse fino al 1974. In questo periodo "crescere" divenne una sorta di parola d'ordine che investì ogni aspetto della società giapponese, sia gli organi politici che le forze sociali si impegnarono per raggiungere questo obiettivo 1 . A distanza di dieci anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, che terminò con l'invasione del Giappone da parte degli Stati Uniti 2 , i nipponici decisero di tornare ad essere, nuovamente, la più grande potenza asiatica, questa volta non in campo militare ma in quello economico. La popolazione giapponese nutriva un sentimento di rivincita verso gli Stati Uniti, che avevano sconfitto il Giappone in guerra, ma che adesso potevano essere superati in campo economico. Gli stessi americani, comunque, contribuirono a far prendere a Tokyo la decisione di gettarsi a capofitto nella crescita economica, essi difatti promossero una sorta di fede tecnocratica nel capitalismo e nella tecnologia, inoltre influenzarono i giapponesi trasmettendo il loro modo di pensare, ma soprattutto di consumare, facendo sì che molti prodotti americani divenissero di largo consumo presso i giapponesi, un popolo 1 G.D. Allinson, "Japan's postwar as history" New York, 1997 pag. 83 2 Il Giappone era stato invaso prima della Seconda Guerra Mondiale solo dall'Impero mongolo nel tredicesimo secolo, tra l'altro limitatamente a ristrette zone del suo territorio e per un breve lasso di tempo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Boris Caralli Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3535 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.