Skip to content

Sviluppo del metodo Digital Speckle Correlation per la caratterizzazione meccanica dei materiali

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Maria Perre
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Aerospaziale
  Relatore: Giovanni Battista Broggiato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

La Digital Speckle Correlation ha come obiettivo quello di determinare le caratteristiche meccaniche dei materiali utilizzando un approccio le cui proprietà fondamentali sono l’assenza di contatto con il provino e la semplicità del set up sperimentale. La caratterizzazione avviene combinando i dati provenienti dalle macchine per prove di trazione e compressione con la misura delle deformazioni effettuata dalla tecnica proposta.
L’assenza di contatto con il provino permette l’applicazione del sistema a quei materiali la cui caratterizzazione con metodi tradizionali risulta difficile; è il caso questo dei materiali compositi di utilizzo aeronautico ed aerospaziale, la cui superficie spesso non permette l’applicazione dei tradizionali estensimetri (si pensi per esempio a una schiuma per strutture sandwich o a un tessuto in fibra di carbonio), inoltre la possibilità di effettuare misure di campo consente lo studio di quei materiali che non hanno un comportamento isotropo.
Lo studio di immagini digitali per la caratterizzazione dei materiali in questo momento è di grossa attualità e interesse in quanto la diminuzione dei costi dei componenti hardware necessari all’acquisizione delle immagini e la continua crescita delle prestazioni dei processori rendono questo tipo di approccio efficace ed economico.
La Digital Speckle Correlation può essere ritenuta un’estensione digitale della tecnica White Light Speckle Photography, in cui l’analisi viene compiuta su lastre fotografiche, esposte prima e dopo la deformazione del provino, sulla cui superficie è rappresentato un motivo speckle. Un approccio di questo tipo inoltre è utilizzato in campo fluidodinamico con la tecnica P.I.V. (Particle Image Velocimetry): qui il campo speckle è generato disseminando il flusso in esame di particelle leggere, i cui spostamenti, rilevati attraverso l’acquisizione di immagini, permettono di determinare le grandezze caratteristiche del campo fluidodinamico, tipicamente la velocità.
Lo scopo di questa tesi è dunque quello di sviluppare il metodo Digital Speckle Correlation, di risolvere alcune della problematiche ad esso associate ovvero di apportare delle modifiche nell’approccio teorico e di conseguenza nell’algoritmo di calcolo, modificando, per quanto possibile, il sistema di riferimento da euleriano a lagrangiano; di verificare la stabilità e la robustezza dei cambiamenti effettuati attraverso prove sperimentali su diversi tipi di materiali metallici e compositi.
Il sistema essenzialmente è costituito da una telecamera, una scheda di acquisizione delle immagini e da un normale personal computer; il codice con cui è implementato l’algoritmo di calcolo è in C++, mentre i test sono stati effettuati su macchine MTS a trazione e compressione.
Le prove sperimentali di questo lavoro sono state svolte presso i laboratori del Mechanical Engineering Department della Wayne State University di Detroit - U.S.A.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1. Basi Teoriche 7 1. Basi teoriche 1.1 Le immagini speckle Le immagini speckle, fondamento di tutto il sistema, sono delle distribuzioni random di �macchioline� di toni contrastanti di grigio. Per ottenere questa distribuzione si utilizzano in genere due vernici spray, una di colore bianco per il fondo e una di colore nero per lo speckle vero e proprio. L�utilizzo della vernice bianca non � indispensabile ma permette di aumentare il contrasto; il suo utilizzo risulta ovviamente necessario quando vengono analizzati materiali di colore scuro, per esempio compositi in fibra di carbonio. Figura 1.1: tipica immagine speckle ottenuta con vernice spray acrilica. Un pattern simile si ottiene con luce radente o tramite illuminazione laser. Un altro modo per ottenere un immagine speckle consiste nell�illuminare la superficie del provino con una luce radente: la rugosit�

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immagini digitali
speckle imaging
digital speckle correlation
elaborazione digitale delle immagini
c++
mts
trazione
prove meccaniche
misura deformazioni
caratteristiche meccaniche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi