Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione visuo-tattile nello spazio peripersonale: il ruolo della natura non biologica di uno stimolo visivo statico

L'individuazione delle caratteristiche specifiche di biologicità o meno di uno stimolo, statico o in movimento da parte dei neuroni bimodali della corteccia parietale. Effetti studiati in pazienti affetti da negligenza visiva spaziale (neglect) e estinzione cross-modale attraverso stimoli presentati nello spazio peripersonale ed extrapersonale. All'interno dello spazio peripersonale questi neuroni riconoscono la natura non biologica dello stimolo visivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I: Introduzione 1.1 La percezione e l’orientamento spaziale L’orientamento nello spazio, la percezione della propria posizione e di quella degli oggetti nell’ambiente circostante sono alcune delle capacità cognitive fondamentali e comuni a tutti gli esseri animati. La posizione di un oggetto, o di un punto, è individuata da un sistema di coordinate spaziali che sono calcolate rispetto ad uno schema di riferimento predeterminato. Il modello di riferimento è costituito, generalmente, dagli assi cartesiani che si intersecano in un unico punto definito origine, e rispetto al quale vengono calcolate le distanze. In base al fatto che l’origine degli assi sia centrato sull’osservatore o su un punto esterno ad esso, si definiscono le rappresentazioni dell’oggetto che ne derivano, rispettivamente: egocentrica ed allocentrica. La rappresentazione allocentrica si ottiene qualora la posizione di un oggetto venga calcolata in base alla sua distanza da un secondo oggetto, scelto arbitrariamente quale punto di riferimento ed indipendentemente dalla posizione dell’osservatore. Nel caso della rappresentazione egocentrica, invece, le informazioni relative alla posizione dell’oggetto vengono integrate con quelle relative alla posizione del soggetto nello spazio. In questo tipo di rappresentazione, il centro degli assi di coordinate è centrato sul soggetto, che diviene quindi il punto rispetto al quale vengono calcolate le relazioni spaziali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Mambelli Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5116 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.