Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’identità romena: origini e dibattito attuale

Dopo la caduta del regime di Nicolae Ceausescu, l’intelligencija romena è tornata con rinnovato impegno a interrogarsi sul problema dell’identità nazionale.
Nel caso romeno la storia e i miti nazionali hanno alimentato l’idea di un’identità dualistica, capace di adeguarsi alle mutevoli opportunità storiche.
Nel clima culturale della Romania d’oggi sono presenti due correnti di pensiero: la prima, che gli stessi intellettuali romeni definiscono “europeista”, è in realtà l’espressione di una decisa volontà di accostamento ai valori dell’Occidente, visto come unico modello di sviluppo. La seconda corrente, definita “autoctonista”, è dettata da un sentimento nazionalistico di autocompatimento: se sulla scena politica questa corrente è interpretata dalle dichiarazioni del nazionalista Corneliu Vadim Tudor, esponente di spicco della cultura ufficiale nell’epoca di Ceausescu, nell’odierna cultura romena è assente una produzione letteraria di questo indirizzo degna di effettiva considerazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa 1 PREMESSA Dopo la caduta del regime di Nicolae Ceausescu, l’intelligencija romena è tornata con rinnovato impegno a interrogarsi sul problema dell’identità nazionale. Nel caso romeno la storia e i miti nazionali hanno alimentato l’idea di un’identità dualistica, capace di adeguarsi alle mutevoli opportunità storiche. Nel clima culturale della Romania d’oggi sono presenti due correnti di pensiero: la prima, che gli stessi intellettuali romeni definiscono “europeista”, è in realtà l’espressione di una decisa volontà di accostamento ai valori dell’Occidente, visto come unico modello di sviluppo. La seconda corrente, definita “autoctonista”, è dettata da un sentimento nazionalistico di autocompatimento: se sulla scena politica questa corrente è interpretata dalle dichiarazioni del nazionalista Corneliu Vadim Tudor, esponente di spicco della cultura ufficiale nell’epoca di Ceausescu, nell’odierna cultura romena è assente una produzione letteraria di questo indirizzo degna di effettiva considerazione. A rappresentanza del pensiero “europeista” prendiamo in esame tre scrittori politici diversi tra loro per stile e per mezzi

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marzia Mazzoni Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2111 click dal 05/05/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.