Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comportamento delle acque aggressive nei confronti delle tubazioni in cemento-amianto

Lo scopo di questo lavoro è stato quello di verificare il legame tra il contenuto di fibre d'amianto nelle acque potabili e le tubazioni in cemento-amianto. Per determinare ciò si sono determinate le seguenti problematiche:
1) Verificare se il contributo di fibre di origine naturale nel computo totale fosse paragonabile oppure no, a quello dovuto al rilascio di fibre da parte delle tubazioni in cemento-amianto.
2) Si sono quindi studiati i meccanismi che provocano un maggiore rilascio di fibre, gli equilibri tra l'acqua e il cemento, le caratteristiche che rendono un acqua aggressiva o incrostante.
3) Si sono analizzati gli studi italiani eseguiti come controllo per tale tipo di contaminazione e si sono confrontati con quelli americani.
4) In fine si sono riassunti i metodi e le precauzioni usate per limitare il rilascio di fibre dalle tubazioni in cemento-amianto ancora in uso. Si sono discusse inoltre, le possibili ragioni della mancata correlazione tra corrodibilità delle tubazioni (con conseguente cessione di fibre) e l'aggressività delle acque trasportate.

Mostra/Nascondi contenuto.
Fu in Italia che per la prima volta ha avuto inizio nel 1870, lo sfruttamento di una miniera di amianto, anche se la nostra produzione non fù mai elevata; Fu in Italia che per la prima volta ha avuto inizio nel 1870, lo sfruttamento di una miniera di amianto, anche se la nostra produzione non fù mai elevata; Premesso che i dati sulla situazione italiana sono scarsi, quelli esistenti si riferiscono a studi locali eseguiti per analizzare contaminazioni presunte o tali da fibre d’amianto nelle acque potabili (ad esempio il caso del Comune di Pergola nella provincia di Pesaro e Urbino; a Casale Monferrato dove c’era una grossa ditta produttrice di materiale in Eternit; in Val Malenco, in Val d’Aosta e a Balangero Valli di Lanze, per la presenza di giacimenti di minerali amiantiferi; lo studio fatto nel 1989 dalla Regione Veneto e nel 1996 dalla Regione Toscana, etc). Alcuni casi di contaminazioni delle acque potabili da fibre d’amianto verificatesi in USA e in Canada negli anni 70/80 e gli studi che ne seguirono, resi pubblici provocarono molto scalpore nella popolazione italiana, anche perchè l’unità di misura usata per la concentrazione delle fibre d’amianto (il MFL), generò inizialmente e soprattutto nella popolazione comune una certa ‘impressione’ in chi si accingeva a bere un sorso d’acqua. Se a ciò si aggiunge che in Italia vi sono 125 mila km di tubazioni in cemento- amianto, risulta comprensibile l’interesse che questa problematica ha provocato negli ultimi vent’anni. A riguardo si ricorda che la quantità di materiali contenenti amianto presenti in Italia è ancora molto cospicua e si prevede che la punta di produzione di rifiuti di amianto sia ancora lontana dall’essere raggiunta. Si osservi a questo proposito la tabella 2.1, dalla quale emerge che alla fine del 1999 la quantità di rifiuti contenenti amianto era di 22 milioni di tonnellate.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Davide Magoni Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2475 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.