Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diffusione dei nuovi mezzi di comunicazione nella media industria italiana

Lo scopo del presente lavoro è di valutare alcune ipotesi sull’evoluzione dell’uso delle “Information Communication Technology” da parte delle imprese.
Fino ad ora ha dominato lo scenario di un adattamento delle tecnologie alle strutture aziendali esistenti e quindi il concetto di rete privata della grande impresa.
La nuova fase, che si sta prospettando, riguarda invece una maggiore adattabilità tra le diverse forme organizzative ed i sistemi di telecomunicazione adottati.
Le ipotesi fondamentali che hanno fatto da guida all’intero lavoro sono:
? Il nuovo paradigma tecnologico multimediale che si sta affermando e che si divide in due filoni principali quali la Comunicazine Universale di Voce e Dati (UVDC) e i Teleservizi.
? L’asimmetria di adozione da parte delle imprese di alcune tecnologie di comunicazione.
L’analisi effettuata si è basata su uno studio sulla diffusione delle Communication Technology più importanti quali E.D.I., posta elettronica aziendale e pubblica, Servizi On Line ed in particolare Internet, su un campione rappresentativo di oltre 230 medie industrie italiane.
I dati sono stati raccolti tramite un questionario telefonico appositamente studiato, proposto ad un campione di aziende con un numero di addetti compreso tra 200 e 1000 appartenenti ai settori alimentare, tessile-abbigliamento, chimico, farmaceutico, distribuzione, elettronico, elettromeccanico e meccanico.
Per ogni azienda si è inoltre selezionato un insieme di indici di bilancio in grado di descriverne il profilo sulla base di parametri di struttura, di performance, di efficienza e di crescita.
Tramite l’uso di analisi statistiche univariate, bivariate e multivariate si sono ricercate delle correlazioni significative tra l’utilizzo delle suddette tecnologie da parte delle imprese e le caratteristiche strutturali e dimensionali di ogni azienda, di cui le voci di bilancio sono proxy con lo scopo di discriminare dei gruppi di imprese.
Si sono ottenuti risultati eccellenti, in parte prevedibili, in parte totalmente nuovi, ed hanno consentito di determinare delle tassonomie di utilizzo e di identificare dei fattori chiave e discriminanti per l’adozione delle Information Communication Technology.
Le ipotesi di partenza sono state ampiamente confermate e, a distanza di due anni, si è potuta verificare la correttezza delle conclusioni e delle tendenze che sono emerse dal presente studio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo scopo di questo lavoro è di valutare alcune ipotesi sull’evoluzione nell’uso delle “Information Communication Technology” da parte delle imprese. Fino ad ora ha dominato lo scenario di un adattamento delle tecnologie alle strutture aziendali esistenti e quindi il concetto di rete privata della grande impresa. La nuova fase, che si sta prospettando, riguarda invece una maggiore adattabilità tra le diverse forme organizzative e i sistemi di telecomunicazione adottati. Le ipotesi fondamentali che hanno fatto da guida al presente lavoro: • Il nuovo paradigma tecnologico multimediale che si sta affermando e che si divide in due filoni principali quali la Comunicazine Universale di Voce e Dati (UVDC) e i Teleservizi. • L’ asimmetria di adozione da parte delle imprese di alcune tecnologie di comunicazione. L’ analisi effettuata si è basata su uno studio sulla diffusione delle tecnologie di comunicazione su un campione rappresentativo di medie industrie italiane. La struttura del lavoro si articola in sette capitoli nel modo seguente: Nel capitolo 1 si forniscono delle definizioni preliminari e alcune teorie tradizionali sulla economia del cambiamento tecnologico e sulla teoria della diffusione delle innovazioni. Inoltre si tracciano le ipotesi della ricerca e le linee guida che supportano il lavoro. Nel capitolo 2 viene riportata un’ampia descrizione sull’evoluzione della “Information Communication Technology” negli anni.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Massignani Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6109 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.