Skip to content

La vela nella storia: oggi anche come valore terapeutico

Informazioni tesi

  Autore: Luca Brunone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Relazioni Pubbliche
  Relatore: Francesco Ogliari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 352

Questo scritto vuole ripercorrere la storia, dal 3500 a.C. fino ai giorni nostri, attraverso la nascita e lo sviluppo delle imbarcazioni a vela.
La vela ora, strumento essenzialmente di diletto, in un passato a noi assai prossimo, fu strumento di vita e di lotta. A queste definizioni della vela, se ne può aggiungere una di carattere psicologico « … strumento formativo del carattere dell’uomo, con le pene, le audacie, l’abilità che essa richiede. ».
«Uno dei comandanti della Vespucci, il Capitano di Vascello, Giovanni Iannucci, ritiene che la crociera d’istruzione su un bastimento a vela, sia un ottimo test della resistenza psichica e fisica. La difficile e complessa vita che si deve svolgere a bordo, dove tutto dipende dal proprio lavoro e da quello degli altri, fortifica il senso di corresponsabilità per la sicurezza propria e dei colleghi, sviluppa coraggio, volontà, resistenza alla fatica, cementando fisicamente i giovani.».
Questo mezzo, così straordinario nella sua semplicità, eppure così versatile per qualsiasi utilizzo ne sia stato fatto e qualsiasi modifica nella storia gli sia stata apportata, ha costituito un mezzo fondamentale di comunicazione.
Dapprima le vele erano impiegate nel trasporto e la conseguente vendita di materie prime e prodotti finiti da un paese all’altro dell’oriente (importazioni ed esportazioni diremmo oggi) ; in un secondo momento le imbarcazioni a vela furono il mezzo che permetteva, ai grandi pionieri, di andare alla scoperta del mondo, così come le tre caravelle, La ‘Nina’ , La ‘Pinta’ e La ‘Santa Maria’ portarono, nel 1492, Cristoforo Colombo a varcare le colonne d’Ercole ed approdare nel nuovo continente.
Anche il sommo poeta, Dante Alighieri, canta la sete di conoscenza dell’uomo attraverso l’ultimo viaggio di Ulisse. Quest’ultimo, dopo essere stato prigioniero per più di un anno presso la maga Circe, insieme ai compagni fedeli, si rimise in viaggio, non facendo vela per Itaca ma verso il mare aperto, poiché la sete di “conoscere” era più forte di ogni legame familiare ed affettivo. Senza una rotta sicura, dopo aver toccato le coste della Spagna e dell’Africa, giunsero, vecchi e stanchi, alle colonne d’Ercole, confine ultimo del mondo allora conosciuto. Ai compagni timorosi Ulisse rivolse un appello, perché seguissero la virtù e la conoscenza e non il solo istinto animale di conservazione. « Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza’.».
Le moderne imbarcazioni a vela che solcano i mari di tutto il mondo hanno scopi ben diversi da quelli di un tempo. Oggi chi va per mare lo fa per diletto (crociere, diporto, regate), per apprendere le tecniche delle diverse scuole della marina militare, per raggiungere luoghi inaccessibili via terra consegnando medicinali e generi di prima necessità (Associazione Vele Senza Frontiere) o, come mezzo di recupero e riabilitazione per tutti i tipi di disabilità , siano esse fisiche, mentali o sociali.
E’ questa la rotta a cui punta questo scritto, attraversando la storia e visitando anche le altre terapie, tutto per arrivare al porto finale: la vela anche come valore terapeutico.
Suddivido la presente tesi in 2 volumi nell’auspicio che a molti possa interessare il tutto. Ma anche la parte storica possa essere di maggior competenza di un gruppo di persone e quella terapeutica di altri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa generale Questo scritto vuole ripercorrere la storia, dal 3500 a.C. fino ai giorni nostri, attraverso la nascita e lo sviluppo delle imbarcazioni a vela. La vela ora, strumento essenzialmente di diletto, in un passato a noi assai prossimo, fu strumento di vita e di lotta. A queste definizioni della vela, se ne pu� aggiungere una di carattere psicologico � � strumento formativo del carattere dell�uomo, con le pene, le audacie, l�abilit� che essa richiede. � 1 . � Uno dei comandanti della Vespucci, il Capitano di Vascello, Giovanni Iannucci, ritiene che la crociera d�istruzione su un bastimento a vela, sia un ottimo test della resistenza psichica e fisica. La difficile e complessa vita che si deve svolgere a bordo, dove tutto dipende dal proprio lavoro e da quello degli altri, fortifica il senso di corresponsabilit� per la sicurezza propria e dei colleghi, sviluppa coraggio, volont�, resistenza alla fatica, cementando fisicamente i giovani. � 2 . Questo mezzo, cos� straordinario nella sua semplicit�, eppure cos� versatile per qualsiasi utilizzo ne sia stato fatto e qualsiasi modifica nella storia gli sia stata apportata, ha costituito un mezzo fondamentale di comunicazione. Dapprima le vele erano impiegate nel trasporto e la conseguente vendita di materie prime e prodotti finiti da un paese all�altro dell�oriente (importazioni ed esportazioni diremmo oggi) ; in un secondo momento le imbarcazioni a vela furono il mezzo che permetteva, ai grandi pionieri, di andare alla scoperta del mondo, cos� come le tre caravelle, La �Nina� , La �Pinta� e La �Santa Maria� portarono, nel 1492, Cristoforo Colombo a varcare le colonne d�Ercole ed approdare nel nuovo continente. 1 Carlo de Negri, Vele Italiane del XIX Secolo, 1974, Milano, Mursia. 2 Iacek E. Palkiewicz, Gli ultimi mohicani degli oceani, 1981, Milano, Mursia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabilità
storia della vela
velaterapia
imbarcazioni a vela
vela

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi