Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi e caratterizzazione di nuovi inibitori della trombina

Lo scopo della mia tesi è stato la sintesi e la caratterizzazione di inibitori peptidici e non della trombina. In questo lavoro di tesi oltre la sintesi peptidica in fase solida e le principali tecniche di sintesi organica sono riportate dettagliatamente le procedure sintetiche e la caratterizzazione (HPLC, Uv-vis, Maldi-TOF, NMR) di alcune porfirine non riportate in letteratura. Inoltre è descritta dettagliatamente la struttura della trombina e di alcuni complessi trombina-inibitore.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 SOMMARIO La trombina � una proteasi a serina, che riveste un ruolo fondamentale nel processo di coagulazione del sangue. Poich� le malattie cardiovascolari, una delle principali cause di mortalit� nei paesi industrializzati, sono relazionate ad anomalie nella coagulazione, recentemente � stato rivolto un grosso interesse verso lo sviluppo di nuovi e potenti inibitori della trombina, da utilizzare a scopo diagnostico e/o terapeutico. Il pi� potente inibitore naturale della trombina finora conosciuto � l�irudina, una piccola proteina di 65 amminoacidi prodotta dalle ghiandole salivari della sanguisuga Hirudo medicinalis. L�irudina forma con la trombina un complesso molto stabile (K i = 2 x 10 -14 M), interagendo sia attraverso l�estremit� C-terminale che quella N-terminale. Dall�analisi della struttura cristallina del complesso irudina-trombina si evince che [1]: - il tripeptide N-terminale dell�irudina entra nel sito catalitico della trombina, formando, in contrasto a quanto osservato comunemente per i substrati e per gli inibitori di altre proteasi a serina, un β -strand parallelo con il segmento Ser 214 - Gly 216 dell�enzima; - il segmento C-terminale, costituito da 11 amminoacidi, occupa l�exosito di riconoscimento del fibrinogeno (FRE); - il nucleo centrale della molecola di irudina, invece, stabilisce solo pochi contatti con la superficie della trombina, se confrontati alle numerose interazioni stabilite dalle estremit� N- e C-terminali. Sulla base di queste informazioni, sono stati progettati e sintetizzati molti inibitori sintetici della trombina che, a seconda del loro meccanismo di azione, possono essere classificati in [2, 3]: 1) inibitori del sito catalitico; 2) inibitori dell�FRE; 3) inibitori multisito diretti, in cui un inibitore del FRE viene legato ad un inibitore del sito catalitico attraverso un braccio di collegamento, nel tentativo di riprodurre il meccanismo di azione dell�irudina.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Gian Felice De Nicola Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2031 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.