Skip to content

Le strategie di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese chimiche italiane

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Bonadeo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Sergio Mariotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

Gli anni recenti sono stati caratterizzati in tutto il mondo da un processo di globalizzazione e di integrazione internazionale che tende a diffondersi in misura crescente in tutti i paesi, in tutte le attività economiche e tra tutte le imprese, anche quelle di minori dimensioni.
Questa fase interessa in modo rilevante anche il tessuto industriale del nostro paese. La maggior parte delle imprese appartenenti ai settori del manifatturiero possiede ormai un elevato grado di internazionalizzazione, non solo mercantile (esportazioni), ma anche attraverso forme “leggere” (investimenti diretti esteri in attività non produttive, accordi e altre forme non-equity) e IDE produttivi, “cuore strategico” del fenomeno.
Il presente lavoro si propone di affrontare lo studio di un particolare aspetto di questa realtà: l’internazionalizzazione attiva del settore chimico italiano.
Viene quindi preso in esame il comportamento delle imprese di proprietà italiana sui mercati esteri nei quali sono presenti.
La ricerca oggetto della presente tesi vuole in particolare offrire un originale contributo conoscitivo sulle forme e sulle logiche di espansione internazionale del settore. In particolare vengono analizzati in profondità gli attori principali della chimica italiana, le piccole e medie imprese.
A tal fine, dopo una presentazione generale delle principali caratteristiche strutturali del settore chimico e del fenomeno internazionalizzazione in campo mondiale ed italiano, vengono presentati i risultati di due diverse indagini volte a conoscere le modalità e le forme attraverso le quali le PMI chimiche operano sui mercati internazionali e le logiche che hanno guidato le scelte di internazionalizzazione produttiva tramite investimenti diretti esteri (IDE).
L’ambito dell’analisi si concentra quindi non solo sulle imprese che svolgono attività di produzione all’estero, da sole o con partner, ma vengono incluse nello studio anche le forme “leggere” di internazionalizzazione sulle quali vi e’ maggiore carenza di ricerche empiriche.
L’obiettivo principale del lavoro e’ quindi quello di colmare una lacuna conoscitiva relativamente ad un settore industriale per il quale la realtà delle attività internazionali delle piccole e medie imprese e’ poco nota ed e’ oggetto di interesse solo da pochi anni a questa parte.
E’ stato anche possibile raggiungere un buon grado di conoscenza delle forme di internazionalizzazione non produttiva del settore chimico, delle quali il database Reprint non si occupa, ma che, sebbene economicamente meno rilevanti rispetto agli IDE, costituiscono la grande maggioranza delle iniziative in termini numerici.
La presente tesi di laurea adotta un’ottica prevalentemente empirica e non ha pretesa di elaborare un’originale apparato teorico; tuttavia vengono forniti puntuali riferimenti agli approcci teorici e metodologici utili ad interpretare l’evidenza di volta in volta proposta.
Nel primo capitolo vengono presentate le principali caratteristiche, strutturali e congiunturali, del settore chimico in Italia.
Il secondo capitolo delinea lo stato attuale e le principali tendenze del processo di internazionalizzazione a livello mondiale e dell’internazionalizzazione produttiva dell’industria italiana.
Il terzo capitolo fornisce un quadro completo ed esaustivo dell’internazionalizzazione produttiva dell’industria chimica italiana. In un primo momento viene descritta la situazione degli investimenti diretti esteri del settore in entrata e in uscita. Secondariamente sono esposti i risultati relativi all’aggiornamento al 31.12.1997 della situazione degli investimenti produttivi di imprese chimiche italiane all’estero e, per ultime, le principali tendenze degli IDE di imprese chimiche italiane all’estero.
Nel quarto capitolo viene fornito un quadro teorico generale sull’internazionalizzazione. In particolare l’attenzione si sofferma su una sintesi delle principali teorie degli IDE sviluppate nel corso degli anni, sulle motivazioni degli IDE, sulle forme di espansione estera possibili per l’impresa e sulle peculiarità che contraddistinguono le piccole e medie imprese.
Nel quinto capitolo vengono presentati i risultati relativi all’indagine sul campo avente per oggetto le forme di internazionalizzazione attiva delle PMI chimiche italiane.
Il sesto capitolo riguarda la seconda indagine empirica, relativa allo studio delle strategie, delle motivazioni e delle modalità degli investimenti diretti all’estero in attività produttive delle PMI chimiche italiane.
Il settimo capitolo, infine, conclude il lavoro con lo studio, attraverso tre modelli econometrici, delle determinanti delle diverse forme di servizio dei mercati esteri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I INTRODUZIONE 1. Obiettivi del lavoro Gli anni recenti sono stati caratterizzati in tutto il mondo da un processo di globalizzazione e di integrazione internazionale che tende a diffondersi in misura crescente in tutti i paesi, in tutte le attività economiche e tra tutte le imprese, anche quelle di minori dimensioni. Questa fase interessa in modo rilevante anche il tessuto industriale del nostro paese. La maggior parte delle imprese appartenenti ai settori del manifatturiero possiede ormai un elevato grado di internazionalizzazione, non solo mercantile (esportazioni), ma anche attraverso forme “leggere” (investimenti diretti esteri in attività non produttive, accordi e altre forme non-equity) e IDE produttivi, “cuore strategico” del fenomeno. Il presente lavoro si propone di affrontare lo studio di un particolare aspetto di questa realta’: l’internazionalizzazione attiva del settore chimico italiano. Viene quindi preso in esame il comportamento delle imprese di proprieta’ italiana sui mercati esteri nei quali sono presenti. La ricerca oggetto della presente tesi vuole in particolare offrire un originale contributo conoscitivo sulle forme e sulle logiche di espansione internazionale del settore. In particolare vengono analizzati in profondita’ gli attori principali della chimica italiana, le piccole e medie imprese. A tal fine, dopo una presentazione generale delle principali caratteristiche strutturali del settore chimico e del fenomeno internazionalizzazione in campo mondiale ed italiano, vengono presentati i risultati di due diverse indagini volte a conoscere le modalita’ e le forme attraverso le quali le PMI chimiche operano sui mercati internazionali e le logiche che hanno guidato le scelte di internazionalizzazione produttiva tramite investimenti diretti esteri (IDE). L’ambito dell’analisi si concentra quindi non solo sulle imprese che svolgono attività di produzione all’estero, da sole o con partners, ma vengono incluse nello studio anche le forme “leggere” di internazionalizzazione sulle quali vi e’ maggiore carenza di ricerche empiriche. L’obiettivo principale del lavoro e’ quindi quello di colmare una lacuna conoscitiva relativamente ad un settore industriale per il quale la realta’ delle attività internazionali delle piccole e medie imprese e’ poco nota ed e’ oggetto di interesse solo da pochi anni a questa parte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi