Skip to content

Un modello econometrico per l'analisi e la previsione dei tassi d'interesse nel mercato monetario

Informazioni tesi

  Autore: David Gambacurta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Pierluigi Daddi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 330

L'obiettivo del presente lavoro consiste nel definire un modello econometrico in grado di formulare previsioni mensili sui tassi d'interesse del mercato monetario (Overnight, BOT a tre mesi e tassi bancari, medio sugli impieghi a breve termine e medio sui depositi). Lo studio è partito puntualizzando alcune proprietà stocastiche dei tassi d'interesse esaminati che hanno rilevato la presenza di processi integrati di ordine 1 (in particolare l'ipotesi Random Walk non può essere rifiutata per i tassi Overnight, BOT e PCT). La presenza di non stazionarietà in queste variabili, preclude la possibilità di utilizzare tecniche econometriche tradizionali. L'esistenza di uno stesso ordine di integrazione ha permesso tuttavia di applicare le tecniche di cointegrazione. Così facendo, le relazioni tra i livelli dei tassi d'interesse perdono la loro validità nel breve periodo, ma la conservano nel lungo periodo.
La dinamica di lungo periodo è stata studiata mediante l'ausilio di due tecniche diverse di cointegrazione. La prima di queste (ENGLE & GRANGER) ha permesso di valutare l'esistenza di alcune relazioni di lungo periodo tra i tassi d'interesse considerando al massimo due variabili nella stessa relazione. La presenza di potenziali legami esistenti tra tutti i tassi d'interesse osservati, ha reso indispensabile tuttavia, l'utilizzo di una tecnica di cointegrazione multivariata (JOHANSEN), che utilizza un modello vettoriale autoregressivo (VAR). Questo tipo di analisi ha permesso di rilevare la presenza di quattro relazioni di cointegrazione tra i cinque tassi d'interesse considerati, evidenziando come le variabili osservate siano tra loro legate reciprocamente dalla presenza di un unico trend stocastico comune. In un secondo momento, la definizione di alcuni vincoli specifici ha permesso di individuare in modo univoco le variabili interessate in ciascuno dei quattro vettori di cointegrazione. In questa fase, il contributo determinato dall'utilizzo di due metodologie diverse è stato rilevante. Entrambe le tecniche utilizzate, concordano nell'individuare nel lungo periodo, un meccanismo di trasmissione della politica monetaria che utilizza il tasso Overnight come principale veicolo per trasmettere i segnali di prezzo della banca centrale, rappresentati dal tasso PCT. Dal mercato interbancario il segnale si propaga direttamente agli altri mercati studiati. In particolare, l'ipotesi che è risultata non rifiutabile in ogni formulazione realizzata è quella secondo la quale nella formazione dei tassi bancari risulta preponderante l'applicazione di uno spread costante rispetto al tasso Overnight.
I test di esogeneità, condotti sulle variabili osservate, hanno evidenziato risultati parzialmente diversi nelle due metodologie utilizzate, che tuttavia concordano nel non rifiutare l'ipotesi di esogeneità del tasso Overnight rispetto ai tassi bancari: il tasso interbancario influenza i tassi bancari nel lungo periodo, ma non ne è influenzato.
Un effetto di retroazione del tasso PCT rispetto al tasso Overnight è colto nel capitolo IV, nel quale si cercano di evidenziare, fino al settembre 1998, alcuni dei legami esistenti tra lo strumento di politica monetaria (tasso PCT), ed alcune variabili, prevalentemente di natura finanziaria. Grazie all'applicazione della tecnica di cointegrazione è stato esplicitato il legame esisitente tra il tasso PCT ed il corridoio dei tassi ufficiali distinguendo tra dinamica di breve e di lungo periodo del tasso PCT. Nel breve periodo i due strumenti di politica monetaria possono essere manovrati in modo indipendente, mentre nel lungo periodo il tasso PCT si riporta in posizione centrale rispetto al corridoio dei tassi ufficiali.
Nel capitolo V è realizzata la forma strutturale delle quattro variabili endogene del modello: il tasso PCT è considerato esogeno. Le endogene risultano formulate secondo un meccanismo di correzione dell'errore (MCE) che considera per i tassi ban?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione L'obiettivo del presente lavoro consiste nel definire un modello econometrico in grado di formulare previsioni su alcuni tassi d'interesse del mercato monetario, utile non solo come riferimento per la gestione della tesoreria delle aziende bancarie, ma soprattutto nella valutazione delle determinanti della dinamica di breve e lungo periodo dei tassi d'interesse. Tra i tassi d'interesse del mercato monetario, l'attenzione è rivolta al tasso d'interesse sui depositi interbancari Overnight ed al tasso d'interesse sui BOT a tre mesi. L'analisi sarà poi indirizzata ai tassi d'interesse bancari ed in particolare al tasso d'interesse sugli impieghi a breve termine ed al tasso d'interesse medio sui depositi. Nel capitolo I viene presentato il contesto teorico relativo alle relazioni esistenti tra le variabili rilevanti all'interno del mercato monetario. Nella convinzione che i tassi d'interesse costituiscano la prima fase del canale di trasmissione della politica monetaria, una particolare attenzione sarà attribuita agli obiettivi ed alle modalità di intervento della Banca d'Italia prima del trasferimento di funzioni in tema di politica monetaria alla BCE (Banca Centrale Europea) ed all'Eurosistema. Lo studio del comportamento della Banca d'Italia è funzionale alla realizzazione, nel capitolo IV, di una funzione di reazione che permetta di quantificare l'importanza, per la politica monetaria, di alcuni indicatori di natura finanziaria. L'analisi dei tassi d'interesse può quindi essere condotta ponendo in condizione endogena il comportamento della banca centrale all'interno del modello. Questa funzione di reazione non sarà utilizzata a scopi previsivi, ma solo a scopi di analisi degli effetti della politica monetaria negli anni '90, dato che il trasferimento delle funzioni in tema di politica monetaria, dalle banche centrali nazionali all'Eurosistema, introduce una rilevante discontinuità a partire dal gennaio del 1999, che è impossibile cogliere dal punto di vista econometrico. In primo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cointegrazione
econometria
financial forecasts
previsioni finanziarie
tassi d'interesse

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi