Skip to content

La figura della maga nel mito greco

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Masala
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Aldo Magris
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 246

Ecco gli interrogativi che hanno mosso questa ricerca: Circe e Medea sono le uniche maghe esistenti nel mito greco? Non vi è nessun altro personaggio femminile caratterizzato dall'uso della magia? Davvero la figura della maga è marginale, poco integrata e quasi estranea al mito greco?
Per rispondere a queste domande il lavoro è stato suddiviso in due parti: nella prima, attraverso l'analisi delle fonti, ci si immerge nelle antiche vicende mitiche delle singole maghe e, solo dopo questo passaggio fondamentale, nella seconda parte, si cerca di comprendere quale sia la loro natura comune cioè l'essenza stessa della maga descritta dal mito.
Al termine di questo viaggio appassionante si vedrà come, anche se figura contaminata ed arricchita dall'apporto di culture straniere, innestatesi su base pregreca, la maga ha un suo degno spazio nel mito ed il suo personaggio è stato rielaborato secondo lo spirito greco con delle connotazioni precise ed inconfondibili, da non potersi considerare estranee al mondo ellenico se, come narra il mito, Zeus stesso le ha instillate nella prima donna della stirpe mortale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREFAZIONE Il viaggio che questo studio propone al lettore si addentra nei meandri più oscuri ed affascinanti del mito greco, alla scoperta di una figura trascurata perché ritenuta marginale rispetto ai grandi dei ed eroi greci. Personaggi che anche la persona più digiuna della materia ha sentito nominare almeno una volta o tramite letture che a loro facevano cenno o tramite il cinema e le altre espressioni artistiche che hanno trovato ispirazione e sostanza nella rappresentazione dei loro volti e delle loro vicende gloriose. Naturalmente, a questa categoria di figure che hanno saputo, per secoli ed ancora oggi, catalizzare su di loro gli slanci, la grandezza, le ansie, i drammi ed i limiti dell’umana condizione, come icone simboliche ed universali, appartengono anche Circe e Medea, le maghe più famose del mito. Probabilmente la percezione che il lettore ha di queste due figure si riferisce a quella paura del diverso, dell’ignoto e del soprannaturale che esse incarnano così bene. Oltre a questo potrebbe esserci anche il sentore di un pericolo nascosto dietro alla bellezza e alle grazie dell’essere femminile. In realtà scopriremo che questa interpretazione non è errata ed anzi, coglie molto bene un aspetto essenziale nella maga del mito greco : però un aspetto soltanto, teso a mostrare la pericolosità e la malvagità dell’incantatrice, con il peso di tutta la tradizione letteraria successiva (dall’Ellenismo al Medioevo, fino alle fiabe più recenti) che ha dipinto il personaggio della maga come una strega scellerata e terrifica. Illuminare Circe e Medea unicamente sotto questa luce, che investe la figura della maga del mito greco da una prospettiva temporale successiva alla sua epoca, deve farci sorgere qualche dubbio sulla legittimità dell’operazione: per questa ragione cercheremo di non partire dal presente per volgerci al passato remoto - pur consapevoli della difficoltà quasi insormontabile di questo proposito visto che siamo inevitabilmente parte del presente - ma di immergerci completamente nelle antiche vicende mitiche per trarre da esse particolari e caratteristiche della figura sulla quale andiamo a investigare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

circe
ecate
erotismo
gaia
grande madre
magia
magia erotica
medea
mitologia
pandora
afrodite
miti greci

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi