Skip to content

Indagine sperimentale del flusso bifase acqua-aria in regime intermittente entro condotti orizzontali

Informazioni tesi

  Autore: Volfango Bertola
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Energetica
Anno: 2000
Docente/Relatore: Adriano Muzzio
Istituito da: Politecnico di Milano
Dipartimento: Energetica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

La tesi consiste in un'indagine sperimentale del flusso acqua-aria in condotti orizzontali sia a diametro costante sia con brusco restringimento di sezione, in regime di moto intermittente (moto a tappi e moto a fiotti). La ricerca ha riguardato in modo particolare gli aspetti locali ed istantanei del flusso, con il duplice scopo di interpretare i valori delle cadute di pressione concentrate misurate nel condotto con brusco restringimento, e di caratterizzare in maniera quantitativa, attraverso grandezze opportune, la fenomenologia delle transizioni di regime. La ricerca è stata condotta nell’ambito di un programma di collaborazione con l’Università degli Studi di Genova. Il piano di lavoro si articola nei seguenti punti:
· Messa a punto di una tecnica per visualizzare la struttura del flusso bifase, attraverso la distribuzione della frazione di vuoto su diverse sezioni del condotto. Questa tecnica è stata applicata con successo alla descrizione del flusso entro il condotto con brusco restringimento, mettendo in luce la drastica riduzione dell’area di passaggio del gas in corrispondenza della contrazione, fenomeno che nella letteratura è stato sempre trascurato.
· Formulazione di un modello in grado di descrivere il meccanismo dell’urto dei fiotti contro una singolarità geometrica (in questo caso un brusco restringimento), da cui è stato possibile ricavare l’energia cinetica dissipata dal flusso. Tenendo conto di questo contributo nel calcolo delle cadute di pressione concentrate, si riesce ad ottenere un andamento del tutto simile a quello dei valori sperimentali, cioè un andamento non monotono caratterizzato da un massimo ed un minimo relativi.
· Misura della velocità di transito dell’interfaccia gas-liquido lungo il diametro verticale mediante la tecnica della correlazione incrociata dei segnali di due sonde ottiche allineate (condotto a sezione costante con diametro di 0,08 m), per portate di liquido comprese fra 3 e 10 kg/s titoli in volume variabili fra 0,1 e 0,8. Si sono evidenziate quattro diverse morfologie dei profili verticali di velocità al variare del numero di Froude della miscela, corrispondenti ad altrettante strutture del flusso. Attraverso il confronto con i valori della frazione di vuoto, si sono individuati quei valori che corrispondono alla velocità dei fiotti. Oltre un valore critico del numero di Froude, l’andamento di tale velocità sembra essere influenzato esplicitamente dal diametro del condotto, anziché esserne indipendente come in genere si assume.
· Definizione e verifica di un criterio quantitativo per individuare la frontiera fra il moto a tappi ed il moto a fiotti, basato sull’analisi del segnale delle sonde ottiche (funzione densità di fase); gli esperimenti sono stati svolti nelle medesime condizioni impiegate per le misure di velocità. L’analisi è stata eseguita sia nel dominio del tempo, attraverso la funzione densità di probabilità (PDF), sia nel dominio delle frequenze, attraverso la densità spettrale di potenza. Si sono individuati alcuni parametri che presentano una discontinuità in corrispondenza della transizione fra i due regimi di moto; fra questi, il valor medio della frequenza pesato secondo la densità spettrale di energia, è risultato essere il più efficace. La frontiera di transizione ottenuta secondo questo metodo è in accordo con i risultati delle numerose osservazioni qualitative riportate in letteratura; essa corrisponde ad un valore critico di un numero di Froude modificato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
&RQWHQXWR 4XHVWRODYRURF QVLVWHQXQ LQGDJLQHVSHULPHQWDOHGHOIOXVVRDFTXDDULDLQ FRQGRWWLRUL]]RQWDOLVLDDGLDPHWURFRVWDQWHVLDFRQEUXVFRUHVWULQJLPHQWRGLVH]LRQHL UHJLPHGLPRWRLQWHUPLWWHQWH PRWRDDSSLHPRWRDILRWWL 3HUPH]]RGLVRQGHDILEUD RWWLFDVLqPLVXUDWDODIXQ]LRQHGHQVLWjGLIDVHODFXLPHGLDQHOWHPSRUDSSUHVHQWDOD IUD]LRQHGLYXRWRLQXQSXQWRGHOORVSD]LR ,OSULPRFDSLWRORFRQWLHQHX DEUHYHLQWURGX]LRQHQHOODTXDOHVLSUHVHQWDOD IHQRPHQRORJLDGHLIOXVVLELIDVHQ LFRQGRWWLUL]]RQWDOLHVLGHILQLVFRQROHJUDQGH]]H IOXLGRGLQDPLFKHGLXVRSLFRPXQHQHOVHFRQGRVLSDVVDQRUDSLGDPHQWHLQUDVV JQDL SULQFLSDOLULVXOWDWLWHRULFLHVSHULPHQWDOLFRQVHJXLWLQHOSDVVDWR,OHU]RFDSLWRORqLQYHFH GHGLFDWRDOODGHVFUL]LRQHGHOOHDSSDUHFFKLDWXUHLPSLHJDWHQHOFRUVRGHOOHVSHULPHQWD]LRQL /HPLVXUHGLIUD]LRQHGLYXRWRGHVFULWWHQHOTXDUWRFDSLWRORKDQQRSHUPHVVRGL YLVXDOL]]DUHODVWUXWWXUDGHOIOXVVRXOODEDVHGHLYDORULGLIUD]LRQHGLYXRWRPLVXUDWL OXQJRLOGLDPHWURYH WLFDOHqVWDWRLQROWUHSRVVLELOHGHW UPLQDUHORVSHVVRUHGHOORVWUDWRGL OLTXLGRQHOODUHJLRQHFRPSUHVDWUDGXHILRWWL$WWUDYHUVRXQ LQWHJUD]LRQHQXPHULFDVLq FDOFRODWDO IU ]LRQHGLYXRWRPHGLDVXOOHV ]LRQLHVDPLQDWHHYLGHQ]LDQGRO HIIHWWRHO EUXVFRUHVWULQJLPHQWR4XHV HPLVXUHKDQQRSHUPHVVRGLQWHUSUHWDUHJOLDQGDPHQWLQR PRQRWRQLGHOOHFDGXWHGLSUHVVLRQHF FHQWUDWHGRYXWHDGXQEUXVFRUHVWULQJLPHQWR RVVHUYDWLVSHULPHQWDOPHQWH 1HOFRQGRWWRDVH]LRQHFRVWDQWHFRQGLDPHWURGLPVLqPLVXUDWDODYHORFLWjGL WUDQVLWRGHOO·LQWHUIDFFLDJDVOLTXLGRO QJRLOGLDPHWURYH WLFDOHPHGLDQWHODWHFQLFDGHOOD FRUUHOD]LRQHLQFURFLDWDGHLVHJQDOLGLGXHVRQGHRWWLFKHDOOLQHDWH FDSLWRORTXLQWR  $WWUDYHUVRLOFRQIURQWRFRQLYDORULGHOODIUD]LRQHGLYXRWRVLqGHWHUPLQDWDODYHORFLWjGHL ILRWWL2OWUHXQYDORUHF LWLFRGHOQXPHURGL)URXGHO·DQGDPHQWRGLWDOHYHORFLWjVHPEUD HVVHUHLQIOXHQ]DWRHVSOLFLWDPHQWHGDOGLDPHWURGHOF Q RWWRDQ]LFKpHVVHUQHL GLS QGHQWH FRPHLQJHQHUHVLDVVXPH 'DXOWLPRQHOVHVWRFDSLWRORVLqPHVVRDSXQWRXQFULWHULRTXDQWLWDWLYRSHU LQGLYLGXDUHODIURQWLHUDIUDLOPRWRDWDSSLHGLOPRWRDILRWWLEDVDWRVXOO·DQDOLVLGH VHJQDOH GHOOHVRQGHRWWLFKH*OLHVSHULPHQWLVRQRVWDWLVYROWLQHOOHPHGHVLPHFRQGL]LRQLGHOOH PLVXUHGLYHORFLWj6LVRQRLQGLYLGXDWLHSDUDPHWULFKHS HVHQWDQRDQGDPHQWLGLYHUVLDO PXWDUHGHOUHJLPHGLPRWRHSHUWDQWRFRQVHQWRQRGLGHILQLUHTXDQWLWDWLYDPHQWHODOLQHD GLWUDQVL]LRQH

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

flussi bifase
frazione di vuoto
moto a fiotti
regimi di moto
sonde ottiche
transizioni di regime

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi