Skip to content

La valutazione oggettiva di una prestazione sportiva: l'analisi della partita di calcio e un nuovo modello per il calcolo dell'IVG

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Bruzzone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Statistiche ed Economiche
  Relatore: Laura Grassini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 291

L’idea del mio lavoro è nata durante i Campionati Europei di calcio del 2000 quando, nelle trasmissioni sportive della RAI, ho incontrato per la prima volta l’Indice di Valutazione Generale (IVG), misura sintetica della performance dei singoli calciatori.
L’immediato interesse suscitato in me da questa novità ha dato il via ad una serie di ricerche ed incontri volti ad approfondire l’argomento, con particolare attenzione alla parte statistica che rende possibile il calcolo dell’IVG; ne è derivata la tesi presentata in questo sito, che ha ottenuto alcuni buoni riconoscimenti dagli addetti ai lavori (con l’interessamento del Centro Studi di Coverciano) e dai mass-media (con articoli su La Nazione-Quotidiano Nazionale e un’intervista radiofonica su Radio 2 RAI).
La prima parte contiene un excursus storico nel mondo del calcio, dalle origini ai giorni nostri, focalizzato su due aspetti fondamentali, l’evoluzione tattica e l’intervento dei mass-media, che hanno stimolato le trasformazioni nel corso degli anni, portando il fenomeno-calcio a perdere la propria identità quasi esclusivamente ludica e ad assumere una connotazione decisamente professionale, con implicazioni economiche, sociali, culturali e antropologiche.
La seconda parte riguarda invece l’analisi della partita di calcio, rivista con il contributo delle moderne tecnologie e di una disciplina come la statistica che sta assumendo sempre più importanza in ogni aspetto della società contemporanea. Viene poi tracciato il profilo della Digital Soccer Project (DSP), indiscussa azienda leader in Europa nella raccolta di dati relativi al calcio, e viene presentato, nelle sue prime “imperfette” formulazioni, l’Indice di Valutazione Generale.
La terza parte infine raccoglie il lavoro di ricerca statistica, da me svolto in un equipe guidata dal prof. Furio Camillo dell’Università di Bologna, per la definizione di un nuovo modello per il calcolo dell’IVG, sulla base delle esigenze e degli obiettivi indicati dagli addetti ai lavori e dell’esperienza dei primi modelli nei Campionati Europei e nelle stagioni successive.
Il risultato è uno strumento affidabile di valutazione oggettiva delle prestazioni dei singoli calciatori (e, in aggregato, delle diverse squadre), non più influenzato dalla percezione personale (e sempre opinabile) dello spettatore, ma invece legato esclusivamente a quanto svolto realmente in campo dal giocatore.
In conclusione le due differenti prospettive, oggettiva (costituita dall’IVG) e soggettiva (rappresentata dalle pagelle dei giornalisti) sono confrontate tra loro per coglierne le differenze ed evidenziarne i limiti; se ne ricava l’idea di una necessaria complementarietà tanto che, nei prossimi anni, si potrebbe arrivare ad avere il computer in panchina pronto ad integrare, con i suoi dati e i suoi riassunti statistici in tempo reale, la percezione degli allenatori affiancandoli nel loro lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Al termine del mio percorso di studi in ambito statistico ed economico mi sono trovato a dover scegliere l’argomento per la mia dissertazione scritta finale e ho cercato di inserire la mia volontà di svolgere una tesi di ricerca operativa in un ambito moderno e affascinante quale il mondo del calcio, nel quale la statistica sta da qualche anno assumendo una rilevanza sempre maggiore. Essendo appassionato di calcio, come molti miei coetanei, stavo infatti seguendo alla televisione le partite dei Campionati Europei 2000 in Belgio e Olanda quando ho “incontrato” per la prima volta l’Indice di Valutazione Generale (IVG), una misura sintetica della prestazione del singolo calciatore in ogni gara, proposto nelle trasmissioni RAI dedicate a quella competizione. Apprezzando molto la novità, ho cercato subito di capire quale modello statistico fosse alla base di quella valutazione ed in che modo le varie azioni svolte dagli atleti durante la partita contribuissero alla formazione dell’IVG; poiché le trasmissioni televisive non avevano soddisfatto concretamente questo mio interesse ho quindi cercato di documentarmi su Internet ed ho scoperto i fondamenti del modello, messo a punto dalla Digital Soccer Project di Brescia, che si era occupata della rilevazione dei dati, e dal prof. Furio Camillo, docente dell’Università di Bologna, che aveva curato la parte statistica. Dopo la conclusione dei Campionati Europei ho voluto approfondire l’argomento e, per questo, mi sono recato a Brescia e a Bologna dove ho incontrato Adriano Bacconi, creatore e responsabile della DSP, e il prof. Furio Camillo che mi hanno spiegato dettagliatamente il funzionamento dell’IVG, chiarendo gli ultimi dubbi che mi erano rimasti, e mi hanno parlato della possibilità di rivedere e di migliorare il modello in funzione dell’esperienza appena trascorsa in Belgio e Olanda. Da qui alla scelta del tema su cui sviluppare la mia tesi il passo è stato breve e, grazie al sostegno della prof.ssa Grassini che ha accettato con entusiasmo di seguire il mio lavoro, ho incominciato ad impegnarmi in questo progetto per me decisamente affascinante, anche perché legato ai miei primi rapporti con la statistica, sviluppati fin da bambino proprio in relazione al calcio incrociando ed analizzando tutti i dati che trovavo negli album di figurine e sugli almanacchi che custodivo gelosamente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcio
ivg
sport
prestazioni sportive

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi