Skip to content

Gli Adr come alternativa alle controversie su Internet

Informazioni tesi

  Autore: Marco Valentini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Massimo Santaroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 231

L’avvento di internet negli ultimi anni ha visto espandersi le possibilità di comunicazione, di scambio e di commercio tra le persone. La nascita di questa piattaforma globale che non conosce le limitazioni del tempo e dello spazio sta ponendo in competizione diretta i soggetti che intendono offrire, tramite questo mezzo beni o servizi al sempre più vasto gruppo degli e-consumer. Ma parallelamente allo sviluppo del commercio elettronico sia nella sua accezione di business to business che di business to consumer, sta crescendo una nuova categoria di controversie. Le e-disputes comprendono tutti quei contenziosi che nascono sulla rete o per mezzo della rete. Purtroppo tale fenomeno è in costante e rapida crescita, tanto da porre una seria ipoteca sulle future possibilità di sviluppo del commercio in rete.
In questo settore i mezzi tradizionali offerti dalla giustizia per tutelare i diritti dei soggetti, mostrano dei limiti, per un loro efficace impiego. Le caratteristiche di Internet sembrano imporre una revisione radicale degli strumenti di tutela. Questi per risultare efficaci devono fondarsi su tre fattori, che sono la convenienza, la fiducia e la competenza. Il modesto valore delle maggior parte delle transazioni online spinge gli utenti a ricercare strumenti che permettano un risparmio sia in termini di tempo che di denaro. Per il fattore fiducia il quesito fondamentale è capire se l’utente può essere spinto a non acquistare un bene o un servizio per il timore che quello che vuole non sia quello che poi effettivamente ottiene. Infine il fattore competenza. Internet pone dal punto di vista giuridico problemi specifici, che devono essere risolti da persone che abbiano una profonda competenza in materia.
L’attenzione si è quindi rivolta alle procedure alternative per la risoluzione delle controversie. Il fenomeno nato alla fine degli anni settanta negli Stati Uniti per far fronte al fenomeno della “litigation explosion” è sembrato a molti studiosi una buona base di partenza per costruire strumenti di risoluzione online dei conflitti. Le caratteristiche delle procedure si adattano bene a fornire una risposta adeguata ai tre fattori sopraesposti. Da questo lavoro, alla fine degli anni novanta sempre negli Stati Uniti nasce la categoria dei sistemi online per la risoluzione delle controversie (ODR). Le caratteristiche proprie di tali procedure sono il risultato della fusione dei tre fattori visti prima con un quarto elemento. Infatti quando si discute di contenzioso online, entra in gioco un quarto fattore, la tecnologia. Se nelle procedure offline, il momento più importante per raggiungere un accordo è durante gli incontri faccia a faccia tra le parti coinvolte, in quelle online non esiste nulla di simile. L’utilizzo di particolari tools di comunicazione rende lo scambio di informazioni e di proposte un flusso continuo. La frammentazione della procedura in tanti incontri al termine dei quali vi è un periodo di stasi che si protrae fino all’incontro successivo, viene superata dalla negoziazione continua spesso in real time, svolta attraverso la rete. L’uso della tecnologia si caratterizza quindi come il vero fattore di innovazione dei sistemi online per la risoluzione delle controversie. Tecnologia intesa sia come mezzo per veicolare le informazioni, sia come insieme di risorse in grado di facilitare il raggiungimento di un accordo anche in procedure offlline.
Dopo una primissima fase di crescita incontrollata gli ODR stanno lentamente percorrendo la strada verso un progressivo consolidamento. Lo scopo è quello di fornire a tali procedure regole e standard qualitativi adeguati al loro fine. Fine che giova ricordarlo è quello di fornire agli utenti della rete sia che per questi si intenda il semplice consumatore come la grande multinazionale, uno strumento efficace in grado di tutelare i loro diritti.
L’analisi svolta, ha però messo in evidenza una serie di problematiche in merito all’utilizzo di tali procedure nella soluzione delle controversie. Problemi connessi con le garanzie di indipendenza e di autonomia degli organi che offrono servizi di ODR. Ma anche con il diritto al contraddittorio tra le parti e ad essere esaurientemente e tempestivamente informati sia delle regole procedurali con cui si effettuerà il tentativo di conciliazione o di arbitrato, sia delle proposte e controproposte avanzate dalle parti o dal terzo. Tali problematiche ci spingono a porre un’ ipoteca sull’utilizzo delle procedure online in alcuni settori come quello dei diritti sociali. Al contrario, nel settore dei servizi finanziari e del commercio elettronico le prospettive per una graduale introduzione di sistemi alternativi per la risoluzione delle controversie, risultano più positive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 OBIETTIVO E ORGANIZZAZIONE DELLA TESI La tesi si basa su un lavoro di ricerca svolto nell’arco di alcuni mesi, attraverso un uso massiccio degli strumenti offerti da Internet per raccogliere il materiale e conoscere le più significative esperienze sviluppate negli ultimi anni in campo internazionale, e nazionale sul tema degli strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie sulla rete. Lo scopo di questa tesi è quello di verificare se le procedure extragiudiziali possono o meno costituire un valida alternativa agli strumenti tradizionali della giustizia, nel settore delle e-disputes. Nel primo capitolo si ripropongono le tappe che hanno portato all’avvento di Internet, l’espandersi delle possibilità di comunicazione, di scambio e di commercio tra le persone. La nascita di questa piattaforma globale che non conosce le limitazioni del tempo e dello spazio sta ponendo in competizione diretta i soggetti che intendono offrire, tramite questo mezzo, beni o servizi al sempre più vasto gruppo degli e-consumer. Ma parallelamente allo sviluppo del commercio elettronico sia nella sua accezione di business to business che di business to consumer, sta crescendo una nuova categoria di controversie. Le e- disputes comprendono tutti quei contenziosi che nascono sulla rete o per mezzo della rete. Purtroppo tale fenomeno è in costante e rapida crescita, tanto da porre una seria ipoteca sulle future possibilità di sviluppo del commercio in rete. In questo settore i mezzi tradizionali offerti dalla giustizia per tutelare i diritti dei soggetti, mostrano dei limiti, per un loro efficace impiego. Nel secondo capitolo si prende le mosse dalla considerazione che le caratteristiche di Internet sembrano imporre una revisione radicale degli strumenti di tutela. Questi, per risultare efficaci, devono fondarsi su tre fattori che sono la convenienza, la fiducia e la competenza. Il modesto valore della maggior

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adr
arbitrato
internet
odr
ombudsman
risoluzione delle controversie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi